Questa zuppa è originaria della zona tra Molise e Campania. Viene fatta usando brodo di gallina, polpette di vitello e caciocavallo. A cusano mutri, ospite nel ristorante Millennium di Giovanni Civitillo, ho appreso anche dagli anziani del posto, che questo piatto viene fatto a Santo Stefano e a Pasqua. Io l’ho rivisitata.

Buona pasqua a tutti 

Ingredienti per 4 persone

  • 1 litro di brodo di crostacei
  • 3 mazzi di scarola riccia
  • 600 g. di alici fresche a filetto
  • 200 g di mollica di pane
  • 150 g. di provolone del monaco grattugiato 2
  • 00 g. di provolone del monaco a dadini
  • 2 uova
  • 6 fette di pane di farro tostato tagliato a dadini
  • 1 spicchio d’aglio
  • Sale q. b.
  • Olio evo q. b.

Procedimento

Prepare le polpettine di alici impastando la mollica di pane, precedentemente ammollata in acqua e strizzata, il provolone grattugiato, le uova, l’aglio tritato e un pizzico di sale. Dopo aver creato le polpettine, rosolarle in padella con un filo di olio senza cuocere troppo e metterle da parte. Lavare e tagliare la scarola e lessarla per 5/6 minuti in acqua leggermente salata. Scolarla per bene e unirla al brodo di crostacei precedentemente preparato. Far bollire tutto per 15 minuti, poi aggiungere le polpette di alici e continuare a cuocere per altri 5 minuti circa. servire in un piatto fondo mettendo prima il pane tostato e i cubetti di provolone del monaco per poi versarci la zuppa calda condita con un filo di olio evo a crudo.