Presentazione del libro “Del maiale non si butta via niente”, primo numero della collana “Petria e Panara: storie di vino e di terra”, una raccolta di ricette raccontate da Rosanna Forchielli, memoria storica della cucina piaggese.
A seguire degustazione guidata di 5 assaggi di ricette abbinate ai vini dell’Azienda Agraria Guerrieri. Manifestazione organizzata da ProLoco Piagge in collaborazione con il Comune di Terre Roversche e il contributo della Regione Marche.
 

 

La crescia

“La faian ogni 8 giorn, quand faian el pan”

“La facevamo ogni otto giorni, quando si faceva il pane”

Ingredienti: Impasto del pane (acqua, sale e forment), lardo e cipolla.

Spiana l’impasto in una sfoglia sottile, con il bordo rialzato. Pizzica con le dita la sfoglia così che possa trattenere meglio il sugo.

Fai un soffritto col battuto di lardo e abbondante cipolla, poi con il cucchiaio stendi il sugo sulla crescia e inforna.

Abbinamento: Guerrieri Spumante Extradry Bianco, Az. Agraria Guerrieri

 

Pondora spacati

“Io i fo colmò”

“Io li faccio così”

Ingredienti: Pomodori, aglio, lardo e rosmarino.

Taglia a metà i pomodori e cuocili in graticola. Fai un soffritto con aglio, lardo battuto e molto rosmarino, versa il sugo ottenuto sui pomodori.

Abbinamento: Colli Pesaresi Sangiovese DOC, Az. Agraria Guerrieri.

 

 

L’odore di terra e vino

dove il tufo diventa grotta e tiene in vita.

tramutare la storia di questa collina

Come l’uva in sorso

le spighe in farina

(Dall’introduzione del libro “Del maiale non si butta via niente”)

 

Petria e Panara è una raccolta di ricette speciali, pubblicate da Pro Loco Piagge e raccontate da Rosanna Forchielli, memoria storica della cucina locale: una narrazione in cui si mescolano ingredienti e ricordi, voci di una vecchia cucina dove i bambini si scaldano vicino alla rola e le donne smenano sulla panara l’acqua, il forment e il sale, contadine di pasta e di pane, quando si cucinava coi ritagli di terra dando dignità ad ogni avanzo e si tramandavano gli odori, i sapori, i gesti.

Tramandare le mani come infinita saggezza.

Per ogni ricetta servono gli occhi: un piatto è pronto quando si vede che è cotto, la cipolla ti accorgi se è troppa, il sale è sempre quanto basta. Servono, come ingredienti fondamentali, pazienza ed esperienza, una ricerca costante del gusto. Le quantità degli ingredienti sono da grandi feste: un invito ad aprire le porte, ad aggiungere sedie, ad invitare gente. Cucinare è un rito, è un atto di resistenza contro la fretta, il consumo, lo spreco di momenti: i tempi di Petria e Panara sono lenti, amano i lunghi discorsi, i sapori forti, gli odori di terra, di vino e di bestia.

 

Sabato 1 agosto 2020, alle 19.00 presso la piazza del castello di Piagge (Terre Roveresche) verrà presentato “Del maiale non si butta via niente”, il primo numero della collana, con ricette a base di carne suina, distrutto e lardo abbinate ai vini dell’Azienda Agraria Guerrieri, che da anni collabora con le associazioni locali per valorizzare la cultura popolare e fare di  accoglienza, bellezza e gusto gli ideali confini di un territorio da visitare, vivere godere.

Durante la manifestazione enogastronomica e folkloristica, realizzata dalla Pro Loco Piagge con la collaborazione del Comune di Terre Roveresche e il sostegno della Regione Marche, interverranno: Luca Guerrieri, titolare dell’Azienda Agraria Guerrieri, il dott. Ugo Pazzi, Coordinatore slow Food Marche, Tito Vagni, Sociologo dei media (in diretta web) e la chef Veronica Forchielli (rist. Urbino dei laghi e Gruppo Niko Romito), nipote di Rosanna Forchielli (perché cucinare bene è un dono di famiglia!) con un contributo video. Modera il confronto Chiara Grottoli.

Seguirà una degustazione con assaggi di di cinque ricette in abbinamento ai vini dell’Azienda Agraria Guerrieri, guidata dalle  parole di Otello Renzi, sommelier, enogastronomo e cioccosommelier.

I piatti che ci condurranno in un viaggio a ritroso nel tempo, tra sapori e odori che riaffiorano dal passato sono:

La crescia: impasto del pane con un sugo di lardo e cipolla soffritto, abbinato a Guerrieri spumante extradry bianco;

El polenton dur: polenta solida ripassata sulla graticola con sugo di salsiccia  abbinato a Bianchello del Metauro Doc 2019;

Frittata di ricotta, goletta e foglie di aglio, abbinato al Guerriero Bianco Igt

Pondora spacati in graticola con soffritto di aglio, lardo battuto e rosmarino abbinato al Colli pesaresi Sangiovese DOC 2019;

El ciamblon (con lo strutto al posto del burro) abbinato a Leo moscato Igt.

 

La Collana “Petria e Panara” proseguirà con il secondo numero “Picciuncin sotto il sinale” ricette con pollame animali da cortile e nuovi progetti sulle “erbe di campagna” e i dolci.

 

La presentazione ad ingresso libero e gratuito, fino ad esaurimento posti nel rispetto delle norme di sicurezza e distanziamento previste per l’emergenza Covid-19.

Degustazione solo su prenotazione, posti limitati, prezzo 10 euro.

Info e prenotazioni Pro Loco Piagge 3204159700.

 

L’evento su fb https://www.facebook.com/events/394680748342597/