Coralba prende il suo nome dalla protagonista di un teleromanzo e lei lo preferisce a quello che inizialmente aveva scelto la madre, Arabella. Vive in collina in un paese chiamato Seano nel Comune di Carmignano in provincia di Prato, Coordinatrice Infermieristica della Radioterapia dell’Ospedale di Prato è dipendente dal 1999 della Casa di Cura Vila Fiorita.

Ha aperto il suo blog di cucina www.duecuorieunalasagna.it, ha anche una rubrica radiofonica in una web Radio: www.whiteradio.it

La sua passione per la cucina sicuramente gli è stata trasmessa dalle sue nonne e dalla mamma ma sopratutto dalla nonna Maria, emiliana Doc dove la pasta si faceva in casa e si tirava al mattarello.

L’abbiamo intervistata:

Ciao Coralba, partiamo dal nome del tuo blog, perché “Due cuori ed una lasagna”?

Due Cuori e una Lasagna perché quando cucino non lo faccio mai da sola. Perché insieme a me c’è sempre qualcuno anche solo spiritualmente o il ricordo di chi mi ha insegnato a cucinare o che mi ha ispirato la nascita di quel piatto.

 

Dici : ”La mia cucina si ispira a due donne che sono state molto importanti nella mia vita, le mie due nonne, una toscana e l’altra emiliana”. Che differenze troviamo tra i piatti di queste due regioni?

Due cuori le mie nonne … La cucina Tosco/Emiliana a mio avviso ha molto in comune e non trovo grosse differenze forse perché per me nella mia cucina sono complementari

 La sezione ricette è molto varia, ma cosa preferisci cuninare?

Preferisco cucinare soprattutto il salato, ma semplicemente perché sono una che farebbe colazione ogni mattina con un tramezzino con Tonno e cipolline, l’unico dolce che mangio a colazione è il Maritozzo con la Panna.

Adoro fare il pane ma scoprire nuove culture gastronomiche mi affascina e quindi sono sempre alla ricerca di chi o cosa mi possa insegnare nuove cose in ambito culinario.

 

“Penso di aver imparato a tirare la sfoglia ancor prima di imparare a scrivere”, qual è il segreto di una buona sfoglia?

Il segreto di una buona sfoglia è il segreto della riuscita di ogni buon piatto: essere grati mentre cucini a tutti coloro che in quella sfoglia ci hanno messo del suo. Il contadino che ha seminato il grano, al mugnaio che lo ha poi reso farina, alle galline che hanno fatto le uova, la gratitudine e la felicità nel cucinare con il cuore è ciò che rende un piatto unico. Perché nessuno ha inventato niente e la sfoglia si fa sempre con 1 uovo per ogni 100 gr di farina, poi se vogliamo renderla più sostanziosa possiamo giocare sugli tuorli, ma nessun segreto.

 

Oltre alle tante ricette troviamo una sezione dedicata ai libri, li hai letti tutti?

 I libro sono la mia passione e si li ho letti tutti. Attualmente possiedo una libreria con oltre 200 libri solo di cucina, se mi regali un libro mi rendi felice, amo leggere e scrivere. Voglio il libro cartaceo lo cerco anche nei vecchi mercatini sono soprattutto alla ricerca dei vecchi Artusi che colleziono.

Mi spiace solo che per i miei numerosi impegni sto trascurando il Blog e di conseguenza le sue pagine: libri e Ricette.

Facciamo il gioco della Prova del cuoco: ci inviti tutti a cena cosa prepari?

DECISAMENTE SE ATTUALMENTE VI INVITASSI A CENA e in riferimento alla prova del cuoco vi farei sicuramente una pasta fresca che ho fatto per le intere 5 puntate … hahahahah .. magari ripiena con dei prodotti del territorio e di stagione.

Po visto che il mio piatto forte sono le Lasagne possiamo fare un assaggio con un tris di primi e ci infiliamo anche le lasagne

Nuovi progetti per il tuo blog?

Progetti per il Blog tanti ma soprattutto per me … Il libro che uscirà a Novembre scritto a 4 mani con lo scrittore e amico Enrico Pasquetti siamo in stesura delle ultime correzioni per poi mandarlo in stampa e farlo uscire in promozione prima delle feste di Natale. Inoltre riprenderò i corsi di cucina ad Ottobre.

Chi sa che non ritorni a Roma ..