risotto-zafferano-e-polvere-di-barbabietola

AuthorSara SannaCategoryDifficultyIntermediate

Yields3 Servings
Prep Time15 minsCook Time15 minsTotal Time30 mins

La ricetta del risotto con zafferano e polvere di barbabietola by Gianluca Astuto, Admin del gruppo Fb FoodExperience

Gianluca Astuto, classe 1984, esperto di cucina e di tutto quanto gira intorno al mondo dell’enogastronomia, abita a Vico Equense, cittadina posta tra il golfo di Napoli, i monti Lattari e il golfo di Salerno, che conta il più alto numero di ristoranti stellati per km quadrato.

Per citarne alcuni: La Torre del Saracino, Maxi, Ristorante di Capo la Gala, l’Antica osteria Nonna Rosa, Laqua Countryside. Gianluca respira quest’aria fin da bambino, dimostrando che il luogo in cui si vive può fare da stimolo per far crescere le proprie passioni.

Da un anno e mezzo, è il creatore e l’amministratore unico del gruppo Facebook “FoodExperience” dove si parla di cibo e di vino, ma soprattutto si mettono in evidenza le eccellenze del territorio che offrono prodotti di qualità.

Il gruppo conta più di 12.000 iscritti, ed è in continua crescita. Accoglie professionisti del settore, chef di fama ma anche semplici cultori, che testimoniano con interessanti interazioni le loro esperienze positive, parlando di food&wine a 360°.

“FoodExperience”, infatti, è nato con lo scopo di creare una rete di vendita diretta, dando occasioni e visibilità ad aziende, produttori e artigiani che possono raccontarsi attraverso la presentazione dei loro prodotti. Si è creato nel gruppo un micromondo che diventa ogni giorno più ampio e autonomo.

Dai ristoranti gourmet alle trattorie, passando per pub, bar e pizzerie, dalla casa vinicola al caseificio, dai pastifici alle aziende agricole, fino ai piccoli produttori locali, tutti possono trovare il proprio spazio. In questo modo, privati e non, se dinamici, curiosi e aperti alle novità possono mettersi in contatto tra loro avviando costruttive collaborazioni, diventando parti di un meccanismo che si basa sulla domanda e sull’offerta, in cui vince chi è intraprendente e sa cogliere le giuste opportunità visionando, provando e valutando.

Gianluca, nel gruppo, cura la parte commerciale e la comunicazione di alcune aziende selezionate che hanno riposto in lui la loro fiducia, per far conoscere e valorizzare i loro prodotti. Altri importanti progetti sono in programmazione e coinvolgeranno le aziende partners.

 

Ingredienti:

Risotto
 200 g riso carnaroli
 0,15 g zafferano in stimmi
 1 barbabietola rossa precotta
 100 g Parmigiano Reggiano
 burro
Brodo vegetale
 3 coste di sedano
 3 carote
 1 cipolla bianca
 2 l acqua

Procedimento:

1

Procedimento:
Preparare un semplice brodo vegetale con sedano, carota e cipolla.
Immergere in un bicchiere di acqua calda gli stimmi di zafferano e lasciarli qualche ora in infusione per far sì che rilascino sapore e colore. Nel frattempo, tagliare la barbabietola a fettine sottilissime e tamponarle bene cercando di togliere parte dell’acqua in eccesso. Disporre le fettine in una teglia e infornare nel forno ventilato, tenendolo alla temperatura minima, girandole di tanto in tanto, oppure utilizzare un essiccatore domestico.
Per ottenere una polvere di barbabietola, mettete le fettine disidratate in un tritatutto, e setacciare con l'aiuto di un passino, così da eliminare le parti grossolane.
Per il risotto:
In una casseruola tostare il riso a secco, avendo cura di girarlo di tanto in tanto. Aggiungere il brodo, un mestolo alla volta e solo quando il liquido è stato assorbito dal riso.
A 3/4 di cottura versare l’acqua di infusione dello zafferano che farà cambiare colore al riso passando dal bianco al giallo canarino. Se la preparazione lo richiede aggiungere ancora brodo fino ad arrivare a fine cottura.
A fuoco spento, mantecare con burro e Parmigiano Reggiano, fino a renderlo cremoso, aggiungendo sale se necessita, poi farlo riposare qualche minuto con il coperchio.
Impiattare il risotto e aiutandovi con un passino, ricoprirne una parte con la polvere di barbabietola, per dare alla ricetta un tocco particolare.

Ingredients

Risotto
 200 g riso carnaroli
 0,15 g zafferano in stimmi
 1 barbabietola rossa precotta
 100 g Parmigiano Reggiano
 burro
Brodo vegetale
 3 coste di sedano
 3 carote
 1 cipolla bianca
 2 l acqua

Directions

1

Procedimento:
Preparare un semplice brodo vegetale con sedano, carota e cipolla.
Immergere in un bicchiere di acqua calda gli stimmi di zafferano e lasciarli qualche ora in infusione per far sì che rilascino sapore e colore. Nel frattempo, tagliare la barbabietola a fettine sottilissime e tamponarle bene cercando di togliere parte dell’acqua in eccesso. Disporre le fettine in una teglia e infornare nel forno ventilato, tenendolo alla temperatura minima, girandole di tanto in tanto, oppure utilizzare un essiccatore domestico.
Per ottenere una polvere di barbabietola, mettete le fettine disidratate in un tritatutto, e setacciare con l'aiuto di un passino, così da eliminare le parti grossolane.
Per il risotto:
In una casseruola tostare il riso a secco, avendo cura di girarlo di tanto in tanto. Aggiungere il brodo, un mestolo alla volta e solo quando il liquido è stato assorbito dal riso.
A 3/4 di cottura versare l’acqua di infusione dello zafferano che farà cambiare colore al riso passando dal bianco al giallo canarino. Se la preparazione lo richiede aggiungere ancora brodo fino ad arrivare a fine cottura.
A fuoco spento, mantecare con burro e Parmigiano Reggiano, fino a renderlo cremoso, aggiungendo sale se necessita, poi farlo riposare qualche minuto con il coperchio.
Impiattare il risotto e aiutandovi con un passino, ricoprirne una parte con la polvere di barbabietola, per dare alla ricetta un tocco particolare.

Risotto zafferano e polvere di barbabietola

Sara Sanna

Ho 48 anni e vivo in Sardegna. Ho lavorato come tecnico del restauro archeologico prima, poi come guida turistica e operatrice museale presso la "Fondazione Barumini Sistema Cultura" che si occupa della...

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.