piedini-di-maiale-con-pasta-e-ceci_Luciana-Ortu
piedini-di-maiale-con-pasta-e-ceci_Luciana-Ortu

AuthorSara SannaCategoryDifficultyBeginner

Yields4 Servings
Prep Time30 minsCook Time2 hrsTotal Time2 hrs 30 mins

Piedini di maiale in umido con ceci e pasta. Un piatto ricco e saporito che si può gustare anche tiepido, quindi adatto ad ogni stagione.

piedini-di-maiale-con-pasta-e-ceci_Luciana-Ortu

La ricetta di oggi ci è stata inviata da Luciana Ortu ed è stata tramandata negli anni nella sua famiglia. Particolarmente legata alle tradizioni, Luciana è anche una grande appassionata di gastronomia e si dedica alla cucina semplice e gustosa che già da bambina, abituata a pasticciare in cucina con la mamma e la nonna, ha appreso e coltivato.

Originaria di Serramanna, un paesino del Medio Campidano in Sardegna, Luciana nel 2015 ha pubblicato “Il Gusto della Vita” un romanzo nel quale si parla di un percorso d'amore per la vita che ha per cardine la cucina. Potrebbe definirsi un libro di cucina con divagazioni sull'amore.

Piedini di maiale in umido con ceci e pasta. Per questa preparazione, largamente diffusa in molte zone della Sardegna, alcune ricette, prevedono anche la presenza delle patate. Un piatto ricco e saporito che si può gustare anche tiepido, quindi adatto ad ogni stagione.

La ricetta di famiglia di Luciana prevede l’utilizzo di ingredienti del territorio, Ceci di Sanluri, Maiale di Senis, Cipolle, carote, pomodori secchi, e pomodorini dell’orto. Tutto trattato a crudo senza soffritto.

Ingredienti:

 2 piedini di maiale puliti
 1 cipolla bianca grande
 5 carote
 1 cuore di sedano
 2 pomodori secchi dissalati
 6 piccoli pomodori
 250 g di ceci

Procedimento:

1

Si fanno lessare i piedini di maiale dentro una capiente pentola per circa mezz’ora, con tre cucchiaini di sale. Nel frattempo, si affetta una cipolla grande, si puliscono e si affettano 5 carote, e si tritano 2 pomodori secchi dopo aver eliminato il sale in eccesso e un cuore di sedano.
Ho schiumato il brodo con la carne, e ci ho versato tutto il tritato con l’aggiunta di 5 o 6 pomodorini.
In mancanza dei pomodori freschi si può usare una confezione piccola di pelati o qualche cucchiaiata di polpa di pomodoro che servirà ad aggiungere sapore ed a colorare la preparazione.
Quindi si risciacquano in acqua corrente 250 grammi di ceci, che la notte prima devono essere messi a bagno in acqua con un cucchiaino di bicarbonato. Si aggiungono al brodo e si lascia cuocere il tutto per circa due ore, fino a quando la carne non risulterà molto morbida.
Quando i ceci sono ad un buon punto di cottura, si aggiunge un formato di pasta corta che si preferisce.
Servire con una manciata di prezzemolo tritato.

piedini-di-maiale_Luciana-Ortu

Ingredients

 2 piedini di maiale puliti
 1 cipolla bianca grande
 5 carote
 1 cuore di sedano
 2 pomodori secchi dissalati
 6 piccoli pomodori
 250 g di ceci

Directions

1

Si fanno lessare i piedini di maiale dentro una capiente pentola per circa mezz’ora, con tre cucchiaini di sale. Nel frattempo, si affetta una cipolla grande, si puliscono e si affettano 5 carote, e si tritano 2 pomodori secchi dopo aver eliminato il sale in eccesso e un cuore di sedano.
Ho schiumato il brodo con la carne, e ci ho versato tutto il tritato con l’aggiunta di 5 o 6 pomodorini.
In mancanza dei pomodori freschi si può usare una confezione piccola di pelati o qualche cucchiaiata di polpa di pomodoro che servirà ad aggiungere sapore ed a colorare la preparazione.
Quindi si risciacquano in acqua corrente 250 grammi di ceci, che la notte prima devono essere messi a bagno in acqua con un cucchiaino di bicarbonato. Si aggiungono al brodo e si lascia cuocere il tutto per circa due ore, fino a quando la carne non risulterà molto morbida.
Quando i ceci sono ad un buon punto di cottura, si aggiunge un formato di pasta corta che si preferisce.
Servire con una manciata di prezzemolo tritato.

piedini-di-maiale_Luciana-Ortu

Piedini di maiale in umido con pasta e ceci, di Luciana Ortu

Sara Sanna

Ho 48 anni e vivo in Sardegna. Ho lavorato come tecnico del restauro archeologico prima, poi come guida turistica e operatrice museale presso la "Fondazione Barumini Sistema Cultura" che si occupa della...

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.