Percorrendo la Strada del vino del Vesuvio, si giunge a Pollena Trocchia comune in provincia di Napoli, che ospita l’azienda vitivinicola Montesommavesuvio, in pieno Parco Nazionale.

Cade quest’anno il decimo anniversario della produzione vinicola di questa importante realtà a conduzione familiare. Giuseppe Campanile, pratico sognatore, l’ha creata nel 2000 e suo figlio Nicola, ha seguito brillantemente le sue orme. Oggi, è titolare dell’azienda e oltre ad affiancare Giuseppe nel lavoro in vigna, cura le relazioni e la parte commerciale.

Coltivare in un territorio tanto complesso, avrebbe scoraggiato facilmente chiunque, vista la pendenza della montagna e la difficoltà a raggiungere i vigneti che si trovano nella parte alta del costone, ai quali si arriva solo attraverso sentieri poco battuti.

In realtà la famiglia Campanile è proprio di questa meravigliosa natura che si è innamorata, e di quanto è in grado di offrire in biodiversità e complessità del sostrato terroso. È la terra vulcanica, ricca di nutrienti nella quale affondano le loro radici i vitigni autoctoni come la Catalanesca, che ha permesso di far rivivere, grazie al duro lavoro e alla ricerca, ampie zone di territorio abbandonato.

Un duro lavoro che ha agevolato la coltivazione di quei vitigni autoctoni che partecipano alla formazione del Lacryma Christi rosso, Lacryma Christi rosso barricato e Lacryma Christi bianco, della Catalanesca barricata, del passito di Catalanesca e della Falanghina, oltre ad uno spumante di Catalanesca, che sta avendo sempre più successo tra gli amanti del buon vino.

Si è quindi presentata la giusta occasione, per riunire amici e altri ospiti appassionati, nell’elegante struttura Villa Pandora a Maiori, per valorizzare e far degustare i loro vini di grande qualità, in particolare il Català e il Catalanesca IGP del Monte Somma, abbinati ad un eccellente menù degustazione, ideato dal Maestro Eduardo Ore – Molino Colombo.

Nicola Campanile ha poi voluto, con grande riconoscenza, consegnare un meritato premio “CIUCCIO ‘E CARRETTA” (opera creata a mano per l’occasione dall’artista Serena Metozzi) a delle personalità, alle quali si è conferito lo Status di Ambasciatore del Català-Catalanesca IGP del Monte Somma.

Tra questi, da evidenziare la presenza di Carmine Maione, il Presidente di OroNero ed organizzatore dell’evento Eruzioni del Gusto

“OroNero è attivo nella promozione culturale e sociale di uno sviluppo pacifico, economico e di scambio culturale tra diverse popolazioni. Promuove i valori e la ricchezza ambientale delle aree intorno ai vulcani sia terrestri che marini. A partire dal Vesuvio, favorisce l’incontro tra popoli diversi e la miriade di possibili relazioni e forme simbiotiche che si sono sviluppate nel tempo accanto al vulcano.”

Altri premiati,

Giuseppe Campanile, Fondatore dell’Az.MonteSommaVesuvio

Marco Contursi, Giornalista / Fid. Slow Food Campania

Giovanni Savarese, Direttore Settore Genetica Medica Centro Ames 

Eduardo Ore, Fermentumconsulting – Consulente tecnico di Molino Colombo