Lorenzo Maggi è un giovane agricoltore che nel 2015 decise di aprire una microfattoria rigenerativa partendo da un solo ettaro di terra. Da qui nasce “L’Orto di Clapi”, situato sul Lago di Martignano vicino Roma, prende il nome dai suoi genitori Claudio e Pina, sono stati proprio loro a regalargli la terra e a lanciarlo in questa nuova avventura.  

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Gmail

Fin da sempre, Lorenzo ha nutrito un interesse particolare per le moto e la natura in generale, compreso l’amore per gli animali, ha studiato tutto ciò che riguardasse montagne e boschi, infatti è laureato in scienze forestali. Un giorno, navigando su Internet ha trovato un video della fattoria di Harald Gasser in Alto Adige, da allora decise di imbattersi in una strada nuova, rischiosa, ma gratificante. Dopo l’esperienza nell’azienda agricola di Gasser, si è innamorato ancor di più della campagna, decidendo così di abbandonare il mondo convenzionale. In lui era nata la voglia di dimostrare che è possibile produrre cibo in maniera giusta e salutare sia per l’ambiente che per i consumatori.

Nel suo orto coltiva baby leaf e microgreen e vende sia a privati che a Chef stellati come: Heinz Beck, Giulio Terrinoni, Marco Gallotta, Francesco Apreda e molti altri.

Per prenotare è molto semplice, basta andare sul sito www.ortodiclapi.it ed effettuare l’ordine.

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Gmail

Ora andiamo a comprendere meglio il significato di microfattoria rigenerativa.

Si tratta di una microfattoria permaculturale dove si pratica un’agricoltura rigenerativa.

“Siamo un’azienda che segue i principi della cultura rigenerativa, un approccio di rigenerazione totale del mondo rurale, partendo dalla cura del suolo, piantando alberi, facendo sì che le campagne si ripopolino di insetti, mettendo nidi per uccelli, ma anche filiere di consumo. Facciamo tutto il possibile per salvaguardare la natura e gli animali.”

  • Facebook
  • Twitter
  • LinkedIn
  • Gmail

“Non è solo un modo di coltivare, ma è una visione sistemica del processo di produzione, di consumo e di relazione, sia con la terra che con il consumatore.”

“Attualmente stiamo lavorando per la prossima primavera, impegnandoci a distribuire i nostri prodotti, come erbe aromatiche, tisane e fiori eduli in tutta Italia e in tutte le stagioni, inoltre, da ottobre faremo la vendita diretta, dove inviteremo gli chef che collaborano con noi e faremo delle cene per iniziare un percorso di coinvolgimento all’interno dell’orto.