Martedì 10 dicembre alla Reggia di Caserta, l’Antica Distilleria Petrone ha presentato il bicchiere “Bufala”, una fantastica novità per questo Natale 2019 che nasce dalla collaborazione con Giugiaro Architettura.
Andrea Petrone è il titolare dell’Antica Distilleria Petrone, fondata nel 1858 da Domenico Petrone e giunta oggi alla quinta generazione, con sede a Mondragone.

Attualmente produce 40 liquori diversi, tra cui il Limoncello, il Guappa e l’AmaRè, quest’ultimo è il primo e unico amaro della Reggia, molte delle erbe e delle essenze impiegate per la realizzazione, provengono dal settecentesco Giardino Inglese.

Il liquore che più contraddistingue l’Antica Distilleria Petrone è il Guappa, fatto con il latte di bufala campana Dop, un prodotto unico e innovativo.
Alle ore 11.30 di martedì 10 dicembre è avvenuta la presentazione ufficiale del bicchiere “Bufala”, presso la Casa del Giardiniere di Corte “Sir John Andrew Graefer” ubicata all’interno del Giardino Inglese.

Sono intervenuti Tiziana Maffei, direttore della Reggia di Caserta, Andrea Petrone, CEO dell’Antica Distilleria Petrone, e il designer Fabrizio Giugiaro.
Al termine della presentazione ha avuto avvio un percorso di degustazione. Sono stati presenti i Consorzi di tutela della mozzarella di bufala campana Dop, della ricotta di bufala e della melannurca campana Igp. Inoltre, per gli assaggi salati, hanno partecipato gli chef Paolo Barrale, Andy Luotto e Mattia Poggi, mentre per la parte dolce sono stati presenti Nino Cannavale, Helga Liberto, Casatiè Petrone 1960, Profumo di Pane, Cuori di Sfogliatelle e Pasticceria Benito.
Non sono mancati i vini, serviti dai sommelier dell’AIS Delegazione di Caserta del Consorzio VITICA e delle aziende Feudi di San Gregorio e Le Manzane.
La giornata si è conclusa con le visite guidate al Giardino Inglese e alle Tombe sannitiche.

Ilaria Bernardo

Frequento la facoltà di Scienze della Comunicazione, con indirizzo media e culture. Sono autrice di “So What?”, un programma radiofonico dell’Università del Suor Orsola Benincasa di Napoli, a cui...

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.