Il salumificio Santoro, simbolo dei salumi della Valle d’Itria, spopola con una nuova invenzione Il panino alla carbonara.

Il panino alla carbonara con il guanciale Santoro trasformerà casa vostra nel miglior fast food del mondo così il salumificio pugliese annuncia questa idea innovativa.

Santoro è considerata l’eccellenza dei salumi in Puglia, forte del capocollo che ha valorizzato la Valle d’Itria, facendosi conoscere in tutto il mondo. Il salumificio Santoro di Cisternino (in via Isonzo, contrada Marinelli) ha fatto del capocollo di Martina Franca la sua ragione d’essere, portando a far conoscere la tradizione dei salumi della Valle d’Itria in tutto il mondo. E ora si cimenta con una pietanza per molti intoccabile nella sua accezione più pura, anche se non pugliese: la carbonara. Anche se la composizione degli ingredienti nel piatto sfiora la filosofia, oltre che la chimica, c’è sempre modo di innovare. E allora la carbonara proposta da Santoro finisce nel panino. Sul sito dell’azienda – che oltre al capocollo produce una vasta varietà di salumi, fra cui la mortadella e il prosciutto cotto – c’è una sezione dedicata alla ricette, con l’elenco degli ingredienti e la procedura.

Non si tratta di un affronto alla tradizione, ma di un concetto di cucina mordi e fuggi di alto livello.

Ideale per un brunch della domenica, come colazione salata, ma anche per una pausa gustosa dopo un’intensa mattinata di lavoro.

INGREDIENTI:

  • Ciabatta di grano duro 1
  • Uova strapazzate 2
  • Guanciale Santoro 2
  • Pecorino romano a scaglie q.b
  • Pepe in grani q.b.
  • Olio q.b.
  • Sale q.b.

PREPARAZIONE

  • Sbattete le uova e aggiungete sale e pepe
  • Fate scaldare un cucchiaio di olio in una padella, inserite le uova e fatele cuocere per qualche minuto
  • In un’altra padella fate rosolare il guanciale tagliato a cubetti fino a renderlo croccante
  • Componete il vostro panino con le uova strapazzate, il guanciale e una grattata di pecorino romano.

Buon appetito!

Ilaria Bernardo

Frequento la facoltà di Scienze della Comunicazione, con indirizzo media e culture. Sono autrice di “So What?”, un programma radiofonico dell’Università del Suor Orsola Benincasa di Napoli, a cui...

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.