La nuova frontiera di formaggi, yogurt e ricotta è il latte di mandorla, su questo punta la nuova starup Kite Hill che ne ha brevettato il sistema.

Kite Hill, fondata nel 2011, ha brevettato il suo sistema innovativo raccogliendo già 18 milioni di dollari: dietro al suo successo annunciato c’è Matthew Sade, ex manager di Impossible Foods, azienda divenuta celebre in California per aver brevettato un sistema di trasformazione delle piante in hamburger. I prodotti della sua nuova startup sono vari e ottenuti attraverso un processo biochimico messo a punto dall’Università di Stanford. Il risultato sono latticini dal gusto molto simile a quelli tradizionale, con il vantaggio di ridurre l’inquinamento, ottenendo un alimento con un indice di grassi inferiore alla norma. Inoltre, questo tipo di formaggio è adatto non solo a chi ha scelto un’alimentazione vegana, ma anche a chi soffre di intolleranze.

Le linee di prodotti che la startup ha messo sul mercato sono diversi, si va dallo yogurt al latte di mandorla, sia nella versione semplice, sia alla frutta, sino ai ravioli, ripieni di ricotta e funghi o ricotta e spinaci.

Dall’ indagine di MarketsandMarkets emerge un dato interessante, e cioè che nel prossimo futuro il mercato più grande sarà quello asiatico dove la domanda per prodotti caseari alternativi ha già superato tutti nel 2014 ed è destinato a essere anche quello più ricettivo nei prossimi anni, seguito da quello nord americano ed europeo. Secondo il report  “I consumatori sono sempre più attenti alla loro salute, mentre cresce il bisogno di prodotti innovativi vista l’aumento di intolleranza al lattosio e in genere di malattie gastrointestinali.  E l’incremento del numero di persone che cambiano abitudini alimentari (vegetariani e vegani)”.