Elisa è una food blogger italiana che vive in Inghilterra dal 2013. Di origine sarda, sin dall’infanzia amante della cucina e della pasticceria, ha gestito insieme alla madre Paola un laboratorio di catering e pasticceria per dieci anni.

Una volta trasferitasi a Cambridge, Elisa ha lavorato come private chef per alcuni anni per poi dedicarsi completamente al suo blog myfoodiedays.com, dove condivide ricette dolci e salate della tradizione italiana ed inglese.

Italian Food Lovers in the World

L’abbiamo intervistata: 

Ciao Elisa, come nasce la tua passione per la cucina?

Elisa OraniLa mia passione per la cucina nasce grazie a mia madre, passando ore ed ore a guardarla cucinare, impastare e sfornare dolci, dapprima per la nostra famiglia e poi nel nostro laboratorio di catering, dove ho lavorato per dieci anni al suo fianco. Col tempo ho sviluppato un vero e proprio amore per la pasticceria e per la cucina in generale, un amore che dura tuttora.

Perché il nome “myfoodiedays”?

Myfoodiedays perché la mia pagina Instagram e il mio blog sono nati per documentare le “mie giornate da “foodie”, quindi da amante del cibo e della cucina.

Come viene percepita la cucina italiana in Gran Bretagna?

La cucina italiana è amata tantissimo in Gran Bretagna e negli ultimi anni i ristoranti italiani si sono moltiplicati, facendo conoscere agli inglesi anche piatti delle varie tradizioni regionali e scostandosi dalla classica pizza.

Inoltre, sono diffusissime le cosiddette deli, che sono delle vere e proprie boutique del cibo italiano dove si trovano salumi, formaggi, conserve e prodotti di nicchia provenienti da piccole aziende italiane. Gli inglesi ne vanno matti!

Qual è il piatto italiano che riscontra più successo in UK?

Senza dubbio la pizza. E non immaginatevi la famosa e tanto criticata pizza con prosciutto e ananas, ma proprio la vera pizza napoletana, col cornicione spesso e cotta rigorosamente nel forno a legna.

Elisa, quali sono i prodotti e i piatti che ti piacciono di più della cucina inglese e che consiglieresti a tutti gli italiani di provare?

Come piatti salati la Shepherd’s Pie, che è un tortino di carne macinata e purè molto gustoso, e le Scotch egg che sono delle polpette di carne impanate e fritte con dentro un uovo col tuorlo fondente.

Per quanto riguarda i dolci invece il classico Christmas pudding, immancabile sulla mia tavola a Natale e gli scone. Se dovessi suggerire un prodotto sarebbe probabilmente il chutney, di origine indiana ma utilizzatissimo in Gran Bretagna, è una salsa, dalla consistenza simile alla marmellata, agrodolce e speziata, ottima come accompagnamento per i formaggi e i crostini.

Sei Sarda, qual è un piatto della tradizione al quale sei particolarmente legata?

La lista in realtà sarebbe lunga, ma se proprio devo sceglierne uno solo direi i culurgiones, ravioli di patate, formaggio e menta chiusi con un intreccio che ricorda una spiga. Deliziosi sia in bianco che con un semplice sugo di pomodoro fresco.