Una colazione completa in una pratica confezione eco-friendly in carta FSC: i salumi d’alta qualità di Veroni arrivano sul tavolo della colazione con il nuovo kit BrioBrain, sviluppato dalla storica azienda emiliana con la collaborazione della biologa e nutrizionista Gigliola Braga, esperta di interazione tra cibo e benessere del cervello.

Perfetta per coloro che non rinunciano al pasto più importante della giornata anche quando il tempo a disposizione è poco, l’alternativa salata di Veroni ricarica il corpo dopo il digiuno notturno e fornisce al cervello l’energia e il corretto mix di nutrienti di cui ha bisogno per ripartire con slancio e affrontare la mattinata di lavoro o studio con più concentrazione, lucidità mentale e una maggiore stabilità dell’umore.

“I benefici legati alla colazione sono ormai riconosciuti universalmente ed è un’abitudine consolidata per quasi 9 italiani su 10, come riporta la ricerca ‘Io Comincio Bene’ di Doxa/UnionFood”, spiega Emanuela Bigi, responsabile marketing di Veroni. “Quando si tratta di scegliere cosa mangiare, è la colazione dolce a farla da padrone: dall’accoppiata latte e biscotti a quella caffè e cornetto consumata al bar, spesso di fretta. Con BrioBrain vogliamo offrire un’opzione di colazione più equilibrata in termini di nutrienti, ma non per questo meno gustosa”.

I kit BrioBrain sono disponibili sullo scaffale dei freschi nei principali supermercati italiani e possono essere anche ordinati sul negozio online di Veroni (shop.veroni.it).

I kit BrioBrian: una colazione bilanciata e ricca di gusto con i salumi Veroni

Le quattro varianti BrioBrain contengono alimenti selezionati da Veroni con la consulenza della dottoressa Braga con l’obiettivo di trovare il giusto equilibrio tra carboidrati, proteine e grassi buoni, senza dimenticare il piacere di una colazione ricca di sapore. 

I kit includono una brioche integrale salata con semi di chia, lino e canapa, o un gnocchino preparato con lievito madre e solo olio extra vergine di oliva, farciti con salumi Veroni. Completano la colazione BrioBrain: formaggi come l’Asiago DOP, che bilanciano l’apporto di proteine e grassi; mandorle sgusciate Mister Nut, fonte di fibra e ricche di vitamina E; e due tisane bio Valverbe per infusioni sia calde sia fredde.

I quattro salumi scelti da Veroni e la dottoressa Braga per farcire la brioche e il gnocchino sono il prosciutto crudo, il prosciutto cotto, la mortadella e la fesa di tacchino. 

“Non poteva mancare il profumo e il sapore della mortadella tra le nostre proposte di colazione salata”, commenta Lorenzo Ferrara, responsabile R&S libero servizio Veroni, salumificio celebre per le sue mortadelle giganti da Guinness dei Primati (un record imbattuto da 25 anni). “Abbiamo studiato una versione che presenta un aspetto nutrizionale più equilibrato, ma che regala le stesse sensazioni organolettiche di uno dei salumi più amati anche fuori dall’Italia”. 

Colazione salata: giusto equilibrio di nutrienti per corpo e mente

Secondo i dati dell’Osservatorio Doxa/UnionFood “Io Comincio Bene”, l’88% degli italiani consuma la colazione tutti i giorni o quasi; un dato che cresce al 98% per le famiglie con figli under-14. La maggior parte degli italiani sceglie la colazione dolce, mentre la quota di coloro che abitualmente optano per il salato non va oltre l’1-2% del totale.

La colazione salata tuttavia rappresenta la miglior risposta al fabbisogno di nutrienti ed energia del corpo e della mente in un momento così cruciale della giornata. Questo pasto dovrebbe apportare un mix bilanciato di carboidrati, proteine e lipidi. Non dovrebbero inoltre mancare vitamine e minerali, di cui il cervello ha bisogno per vivere e lavorare armoniosamente. Anche la fibra, indirettamente, aiuta il cervello grazie alla sua azione a livello di intestino: mantenere un sano equilibrio della flora batterica intestinale contribuisce infatti a conservare un’ottima memoria e proteggere le facoltà non solo mentali ma anche emotive. 

“Una colazione come BrioBrain che associa carboidrati, proteine e grassi secondo le corrette proporzioni garantisce all’organismo una stabilità di nutrienti e di energia che si prolunga molto più a lungo rispetto alla classica colazione italiana”, spiega la dottoressa Gigliola Braga. “Quest’ultima è spesso costituita da carboidrati eccessivi, o addirittura esclusivi, che provocano effetti negativi sulla concentrazione, sulla resistenza, sul benessere a breve e a lungo termine. Mangiare più zuccheri del necessario significa infatti stimolare un senso di fame o comunque la necessità di mangiare “qualcosa” dalla mezz’ora alle due ore successive il pasto, compromettendo le performance sia fisiche sia mentali”.