In pochi giorni la prevendita online su Ebay ha già superato i 300e/pz, cifra destinata ad aumentare, in modo esponenziale, nei prossimi mesi, per una moneta non ancora coniata. Parlo della moneta che commemora la NUTELLA che, con decreto del Ministero delle finanze del 21 dic 2020, ha già corso legale dal 2 gen 2021. Al momento, non è noto dove comprarla, ne quando sarà rilasciata. Ma già si specula. La moneta da collezione, andrà ad arricchire la linea celebrativa  “Eccellenze Italiane” della Zecca di Stato, dove sono già presenti Olivetti, Vespa, la Pizza Margherita e la Mozzarella. Particolari anche le caratteristiche della moneta, realizzata dalla disegnatrice Annalisa Masini. Pesa 18gr, come la quantità di Nutella in un cucchiaio, è d’argento e sarà proposta in tre gradazioni di colore differenti su 32mm di diametro.

Sul fronte, dentro la scritta in cerchio Repubblica Italiana, è evidenziato il famoso barattolo da 750gr. Mentre sul retro troveremo la sede della Ferrero di Alba, la prima, fondata nel 1942.

Previsti: un astuccio contenitore per tutte e due esemplari unici, (consegnati al MEF), da presentare a mostre e convegni.

La storia della Ferrero inizia in piena seconda guerra mondiale. Pietro Ferrero, suo fondatore, decise di utilizzare, nel suo laboratorio di dolci sito ad Alba, le nocciole, unico prodotto disponibile in grande quantità e poco costoso. Nasce cosi la pasta Giandujot, un impasto di crema al cacao e nocciola, avvolto in una carta stagnola, facile da tagliare, spalmare e trasportare. Chi l’avrebbe mai detto che questo preparato avrebbe cambiato la nostra vita “golosa” per sempre. Il successo fu rapidissimo, cosi fulminante, che la produzione artigianale si trasformò nell’Azienda Ferrero.

Pochi anni dopo nacque la SUPERCREMA, venduta in barattoli, con enorme successo. Fino al 1963, anno in cui, da un’idea di Michele, figlio di Pietro, la ricetta fu leggermente modificata, per essere venduta in tutta Europa.

Nel 1964, nacque il primo barattolo di NUTELLA. Il nome era più consono per il mercato internazionale, composto da NUT (nocciola in inglese) ed ELLA, occhiolino all’italianità del prodotto.

Da oltre 50 anni, presente sulle tavole e sugli scaffali del mondo intero, ormai, Nutella è parte integrante dei nostri usi  e costumi. Criticata, copiata e mai eguagliata, possiede anche il suo giorno di festa, il WORLD NUTELLA DAY. Viene celebrato ogni anno nel mondo il 5 febbraio, giorno in cui, nel 2007, da un idea della foodblogger italo-americana, Sara Rosso, tutti gli appassionati di Nutella si riunirono per celebrarla.

Allora è il caso di dire, con orgoglio italiano, NUTELLA PER SEMPRE.