Dopo i lunghi mesi del lockdown, gli esperti affermano che il rito del mangiare si è – per usare un termine di moda – “ibridizzato” su due opposte abitudini. Una è la voglia di continuare a sperimentare nuove ricette e nuovi device per i consueti pasti intorno al tavolo, come è accaduto durante i mesi del Covid e l’altra è di ricorrere ai servizi del food delivery per piacevoli intervalli.

Deliveroo ha coinvolto lo Ied (Istituto Europeo di Design) di Firenze e i suoi studenti per pensare a soluzioni d’arredo in linea con questi nuovi trend di consumo dei pasti. vincitore il progetto “The new dining table is not a table”.

ll concept work premiato è “IT IT”, un nome originale per l’espressione inglese “heat eat” (mangiare caldo).Si tratta infatti di uno speciale pouf-contenitore termico, da posizionare ovunque, in grado di mantenere al caldo il cibo ordinato su Deliveroo, senza nessun impiego di energia. per ottimizzare ulteriormente la praticità, il coperchio del pouf può diventare all’occorrenza un comodo piano sul quale appoggiarsi durante il pasto.

Il progetto è stato realizzato da Enrico Della Guerra, Hu YingYing, Irene Moretti, Eugenia Poli, Sara Vivarelli e Zhang Shuting.

Avatar photo

Alessia Acunzo

Mi chiamo Alessia Acunzo 29 anni, di Napoli. Studentessa laureata in Discipline dello spettacolo. Ogni giorno cerco di pormi un obbiettivo nuovo, anche semplice da raggiungere, così da essere stimolata....

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.