Foodexd, è una startup  fondata da Francesco Gazzerino ed attiva nel settore food con un servizio di home cooking delivery.

Foodexd aiuta cuochi ed appassionati di cucina a condividere le proprie pietanze attraverso un marketplace (www.foodexd.com) dedicato al cibo genuino e di qualità, come solo la cucina di casa può dare.

Abbiamo intervistato Francesco: 

Qual è la storia di Foodexd?

 Foodexd è una startup nata nel 2017 su iniziativa mia e con la collaborazione dell’acceleratore SeedUp. Io stesso appassionato di cucina, mi sono reso conto che tra i tanti servizi di food delivery oggi presenti sul mercato nessuno aveva ancora pensato di proporsi come agevolatore tra gli appassionati di cucina casalinga e chi apprezza il cibo buono, fresco e genuino. Ho iniziato a fare qualche esperimento proponendo i miei piatti ai miei amici, poi mi sono lanciato, ottenendo dopo un processo di selezione di accedere ad un programma di accelerazione di SeedUp grazie al quale sono riuscito a dare vita alla mia idea imprenditoriale 

Da dove nasce l’attenzione per l’home delivery?

 

Mi sono reso conto che i servizi di food delivery propongono piatti realizzati da ristoranti, trattorie e pizzerie, ma non piatti cucinati da semplici appassionati a casa propria e poi consegnati agli acquirenti che possono selezionarli sulla piattaforma di Foodexd (www.foodexd.com). Io conto molto sul fatto che possa svilupparsi un’ampia comunità di cuochi e appassionati di cucina casalinga, così che sia possibile scambiarsi esperienze culinarie anche su base etnica, gustando i piatti di ciascuna cucina con una preparazione casalinga, dunque più genuina anche se meno elaborata 
 
 
Quali sono le caratteristiche principali dell’applicazione?

 

Al momento ci siamo concentrati sullo sviluppo del marketplace, alla selezione dei cuochi e all’esecuzione delle prime consegne nel centro storico di Napoli, rimandando a una seconda fase lo sviluppo di una app ad hoc. Venendo sul nostro marketplace, gli appassionati di cucina possono scegliere tra primi, secondi, contorni e dolci offerti dai cuochi che hanno aderito alla nostra community, indicando la data e l’ora in cui si vuole ricevere il piatto selezionato e attendere la consegna. Una volta ricevuto il piatto (il cui costo, comprensivo di 2,5 euro Iva inclusa per la consegna, viene pagato online tramite la piattaforma), l’utente potrà condividere sulla piattaforma un feedback in merito alla propria esperienza 

 

Quanto vale il mercato (Italia ed estero)? 

Quando si parla di mercato di riferimento occorre intendersi: non penso che Foodexd debba essere vista unicamente come un servizio di food delivery, quanto una piattaforma di servizi di e-grocery. In questo caso stiamo parlando di un segmento di mercato lo scorso anno ha superato l’1% del valore del grocery nel largo consumo in Italia. Visto che quest’ultimo lo scorso anno è arrivato a valere 137 miliardi (con una crescita del 2,6% sul 2015, che per il solo segmento “fresco” è stata ancora maggiore, +4,7%) stiamo parlando di un giro d’affari di circa 1,5 miliardi di euro all’anno solo in Italia. Il mio primo obiettivo è di riuscire assieme a SeedUp a validare il modello di business di Foodexd per poi cercare di ritagliarci uno spazio su questo mercato, prima di guardare all’estero. Un passo alla volta, senza troppe distrazioni. 
 

Qual è lo stato dell’arte oggi e quali i passi futuri ?

Al momento abbiamo avviato il servizio in fase di beta testing sull’area del centro storico di Napoli, grazie anche ad una partnership con l’associazione Liberi di Volare Onlus che ci fornisce i rider per effettuare le consegne. Consegne che avvengono entro 35 minuti dalla validazione dell’ordine sulla piattaforma www.foodexd.com, ovvero dal pagamento online dei piatti (si può scegliere tra primi, secondi, contorni o dessert) proposti dai cuochi che aderiscono a Foodexd impegnandosi a garantire la genuinità e freschezza dei manicaretti preparati da loro in casa. Una volta ricevuto il piatto l’utente può fornire un feedback della sua esperienza gastronomica, condividendolo sulla piattaforma con tutta la community di Foodexd. Da Marzo estenderemo l’orario di consegna (fino alle 21.00), per dare la possibilità di gustare i piatti proposti su Foodexd anche a cena e non solo a pranzo. Dai primi di Aprile prevediamo poi di ampliare il nostro raggio d’azione anche su Portici (NA) e a tal fine intendiamo selezionare già nelle prossime settimane i primi rider che si incaricheranno delle consegne nel comune vesuviano. 

 
In questo momento cosa cercate in termini di funding?
Per quanto riguarda il funding, al momento le esigenze di Foodexd sono state coperte dall’ingresso nell’azionariato di SeedUp, che mi coadiuverà anche nel reperire ulteriori fonti di finanziamento, sia in termini di debito sia di capitale, ove si presentasse la necessità e l’opportunità di coinvolgere ulteriori investitori. Voglio comunque essere molto pratico e franco: solo una volta validato il modello di business di Foodexd e rodata la piattaforma e la community saremo in grado di valutare tempi e modi dello sviluppo sul territorio nazionale e internazionale. A quel punto vedremo chi vorrà affiancarci  e con quali mezzi, fino ad allora il mio impegno è al 100% quello di far crescere Foodexd e la sua community di cuochi e appassionati di cucina casalinga.