Digital Magics, business incubator quotato sul mercato AIM Italia di Borsa Italiana (simbolo: DM), lancia WeBeers: la startup innovativa che ha sviluppato l’e-commerce per scoprire e ordinare le migliori birre artigianali italiane dei birrifici più esclusivi e prestigiosi, presenti in tutte le regioni d’Italia. Su www.webeers.com tutti gli appassionati della birra artigianale italiana possono non solo acquistare le proprie birre preferite con sconti esclusivi e consegna in 48 ore (grazie all’utilizzo di un packaging ideato per garantire la massima sicurezza durante il trasporto), ma anche conoscere tante curiosità e consigli su come gustare le birre proposte all’interno del portale e sul mondo dei mastri birrai italiani: professionisti e personaggi capaci di riflettere nei loro prodotti gli aromi, i sapori e i profumi dei loro territori. L’incubatore Digital Magics – che è entrato nella startup con una quota del 40% della società – sta accelerando il processo di crescita e sta supportando lo sviluppo tecnologico e strategico di WeBeers, con i propri servizi di consulenza e incubazione di alto profilo affiancando i due giovani fratelli e Fondatori, Alberto Maria e Giammarco Maria Gizzi.

WeBeers offrirà anche dei pacchetti in abbonamento per ricevere periodicamente una selezione speciale di birre artigianali italiane a prezzi vantaggiosi e con spedizione gratuita. La prima iniziativa studiata per gli abbonamenti è “Birre da Serie A”: box di birre scelte per i lettori de La Gazzetta dello Sport. Edmondo Sparano, Chief Digital Officer e Consigliere di Digital Magics, dichiara: “WeBeers ha un modello di business innovativo per il suo settore. Vogliamo applicare alla birra artigianale i modelli già utilizzati per il mondo del vino, avvicinando l’utente a una ‘cultura’ del prodotto, con un percorso di esplorazione e conoscenza degli oltre 1000 birrifici artigianali, con formule ‘ad abbonamento’ che consentano di mantenere prezzi accessibili e con operazioni di co-marketing dedicate. Il consenso che la startup sta già riscontrando sul mercato è molto interessante: gli utenti di WeBeers sono giovani, dai 30 ai 50 anni, che acquistano online, ma che non vogliono rinunciare ad avere la tradizionale qualità del food & beverage italiano, selezionato e comodamente consegnato a casa o in ufficio”.

Alberto Maria Gizzi, Fondatore e co-CEO di WeBeers, e Giammarco Maria Gizzi, Fondatore e co-CEO di WeBeers, hanno dichiarato: “Con WeBeers abbiamo deciso di mettere a frutto la breve, ma intensa esperienza maturata con il nostro primo portale e-commerce, condividendo con Digital Magics l’obiettivo e l’ambizione di diventare il punto di riferimento sia per gli amanti della birra artigianale italiana sia per coloro che vogliono provarla per la prima volta. La birra è una bevanda consumata da 7 italiani su 10 e come già accaduto per altri prodotti food & beverage, anche in questo segmento l’attenzione per la qualità e la tradizionalità è in forte crescita. Basti pensare che le esportazioni delle birre artigianali italiane crescono a doppia cifra anno su anno e circa il 50% è diretto nel Regno Unito”.

I FONDATORI DI WEBEERS

Fondatori WeBeers

Alberto Maria Gizzi – Presidente e co-CEO Bio: 26 anni, laureato in Finanza presso l’Università Bocconi, ha lavorato in Centrobanca (Gruppo UBI Banca), CIV-Compagnia per l’Innovazione e per i Valori e con il ruolo di Strategy Planning Analyst nel gruppo Candy-Hoover. È socio della Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori (FISAR).

Giammarco Maria Gizzi – co-CEO Bio: 21 anni, diplomato ITE, appassionato di business innovativi ed e-commerce, ha sviluppato applicazioni per smartphone (iOS) raggiungendo importanti risultati con più di 120.000 download e arrivando con molte app nella top 5 delle applicazioni a pagamento più scaricate dell’App Store italiano.

IL MERCATO DELLA BIRRA ARTIGIANALE IN ITALIA

Il mercato della birra artigianale in Italia è in forte espansione con oltre 30¹ milioni di litri prodotti nel 2014, crescendo costantemente ogni anno sia a livello nazionale che per quanto riguarda le esportazioni (+27% nei primi cinque mesi del 2015 rispetto allo stesso periodo del 2014²). Secondo una ricerca Astra/AssoBirra (Gli italiani e la birra 2014) il 72% degli italiani beve birra, circa il 60% la consuma a casa ed è la bevanda principale presente nei frigoriferi italiani (circa il 49%, acqua esclusa). Negli ultimi due anni questo fenomeno sta crescendo rapidamente: sono oltre 1.000 i birrifici artigianali attivi in Italia (10 anni fa erano solo una trentina¹), con la produzione in continua crescita (quasi +20% rispetto al 2011²). Oggi circa il 60% dei birrifici artigianali italiani fattura fra i € 100.000 e gli € 800.000²) e oltre il 51% ha assunto personale a tempo indeterminato. Le esportazioni di birra artigianale italiana dal 2004 al 2014 sono aumentate di oltre il 200%¹, con il Regno Unito ad assorbire circa la metà delle esportazioni².