Piazza Primavera, Pomigliano d’Arco (Napoli). Un nuovo format è arrivato in città. I fratelli Giuseppe e Marco De Luca dopo Sciuè, il panino vesuviano portano una nuova ed ambiziosa realtà.

La pizza in teglia di chiara matrice romana, declinata in napoletano. Farine tipo 0,1 e 2 (Molini Marino e Pizzuti) sapientemente mixate, lievitazione lunghe e idratazione che in alcuni casi tocca il 90% per un prodotto nuovo nel panorama locale. Una pizza croccante che però strizza l’occhio al gusto partenopeo in primis con i topping tutti caratterizzati da eccellenza locali o comunque campane, preparazioni tradizionali abbinati a grandi vini e una bella selezione di birre artigianali (esperienza maturata nell’altra attività). 

sciuè_pizza_1

Oltre 100 mq di sala, design minimal e spazio monocromatico in grigio che lascia la scena alle pizze. Così vive nei colori e nei profumi, così belle tutte in fila che è davvero difficile scegliere.

Diversi topping, diversi prezzi. Possibilità di accontentare tutti i gusti dai più classici (margherita e marinara) ai palati più esigenti.

 Zucchine salmone e Lingotto caseificio “La Teresina”

sciuè_pizza_2

Una pizza che ricorda la tradizione napoletana per la parte delle zucchine quasi “scapeciate” con un rimando sullo sfondo di menta, il salmone che ha un’eco di limone e il meraviglioso lingotto per la prima volta semifuso. Affondi il morso e “crounch”, chiaro netto inequivocabile. Una sensazione così diversa rispetto alla classica pizza napoletana ma che si fa apprezzare subito.

 

Gamberetti, burrata d’Andria, Misticanza, polvere di caffè

sciuè_pizza_3Un omaggio inconsapevole alle eccellenze della pizza casertana quest’ultima, ci vedo le idee di Francesco Martucci e Ciccio Vitiello che coesistono benissimo su di un impasto che gioca con integrali e semi integrali restituendo sapori antichi e sempre quella caratteristica croccantezza che fa tanto panificio. Dopo la seconda portata la mente si è già abituata a questa nuova consistenza, anzi ne è già ammaliata se non rapita!

 Pesce spada “alla napoletana”

 sciuè_pizza_4Una preparazione che ricorda il baccalà in cassuola, il pesce spada che ben si sposa col piennolo, melanzane e prezzemolo su base san marzano. Una pizza sapida il giusto, gustosa. La parte “marina” è protagonista non egoista, divide la scena con gli altri ingredienti regalando al morso un sapore che ogni amante della tradizione adorerà.

 

Velo di crema di zucca, salsiccia di nero casertano, peperoncino, provola

 sciuè_pizza_5L’autunno su pizza, con tutti i suoi colori e le sue sensazioni. La crema di zucca appena accennata, una pennellata dolce fa da base alla melanzana e la salsiccia di nero casertano con il suo inequivocabile sapore, la leggiadria del latticino con la sua lieve affumicatura e poi il surplus del peperoncino. Calibrato benissimo, troppo sarebbe stato compromettente in questa quantità da senso e presenza alla preparazione tutta che si fa apprezzare come una delle migliori dell’intera offerta.

Patate di Avezzano al forno, olio evo e rosmarino

 sciuè_pizza_6Un classico dei gusti romani, pizza bianca con patate vestita d’eccellenze tutte campane. Buona, si fa mangiare con gusto. Richiama alla mente il “ruoto” di patate domenicale e ti fa desiderare che so un pollo per un abbinamento perfetto.

 

 

 

PISTACCHIO mortadella favola, pesto, stracciata di bufala pugliese pistacchio


sciuè_pizza_7
Si, lo ammetto non sono un grande fan delle pizza con la mortadella; sulla napoletana almeno. Ma qui è diverso. Partiamo dal fatto che viene adoperata una mortadella d’eccellenza come la Favola di palmieri 100% suino senza additivi né altre diavolerie aggiunte, mettici un gran pesto, la stracciata e lo scrocchiarello del pistacchio che non da solo consistenza e profumo…addenti e…WOW!! Gli occhi si spalancano, perdi tutte le certezze. Riscrivi la scala di valori e cominci a glorificare questa tipologia di gusto, tutto grazie ovviamente ad un impasto che come un tappeto sostiene il lento incedere di questa principessa di rosa vestita.

Genovese Corazza di marchigiana IGP, Cipolla di Alife presidio Slow Food, Conciato Romano presidio Slow food sciuè_pizza_8

Sua maestà la genovese in tutta la sua napoletana fierezza. Ingredienti di grandissimo impatto e valore a partire dalla marchigiana cotta a basse temperature, la cipolle di Alife e udite udite il conciato romano di Manuel Lombardi “La campestre”. Da amante della genovese sono stato messo quasi KO dalla clamorosa bontà di questa preparazione resa memorabile dall’apporto del conciato che non è mero orpello ma straordinario controcanto che regala nuove sensazioni e amplia lo spettro gustativo di una della preparazione forse più amata dai partenopei. Qui non ci sono ziti spezzati che nuotano nel prezioso sugo ma c’è un impasto che spinge molto sui sapori integrali portando alle mente le migliori “scarpette” col pane fatto in casa dalla nonna. Lascia senza parole e scompare dal tavolo nella giro di pochi secondi.

I vini di volta in volta che hanno accompagnato, sostenuto, sottolineato e amplificato i sapori di volta in volta provati:

 

 

Dulcis in fundo:

Pizza con confettura di uva fragola sciuè_pizza_14

Pizza con confettura di pere e conciato romanosciuè_pizza_15

Le pizze dolci entrambe buone ma quella con confettura di pere e conciato si lascia decisamente preferire. Ricorda qualche idea di Franco Pepe, c’è il dolce il sapido la chiara matrice casertana con il fantastico conciato che si dimostra quantomai versatile. Una prova di talento, un equilibrio difficile, non la solita pizza dolce banalissima con la nutella ma una chiusura che è un monito sulla mission da portare avanti gusto e qualità offrendo un prodotto nuovo per i fruitori locali che una volta abituati alla nuova consistenza e al diverso tipo di esperienza tutta (è consigliabile abbinare vino o birra volta per volta) troverà facilmente nuovi affezionati. Che poi prendere anche due tre tranci a portar via non è un’idea malvagia.

Insomma, se volete gustare una pizza romana restando nel napoletano geograficamente e come sapori avete un motivo in più per far rotta a Pomigliano!