Gli Chef Luigi Salomone e Angelo Carannante, una cucina sincera, fatta col cuore.

Una cena a 4 mani, due chef stellati, due amici, la voglia di contaminarsi a vicenda e “giocare” nel loro habitat naturale, la cucina, senza manie di protagonismo.
Questo è accaduto al ristorante Re Santi e Leoni di Nola (Na). Un viaggio gastronomico vissuto tra i Paesi Vesuviani e i Campi Flegrei.

Angelo Carannante, chef del ristorante Caracol, una stella Michelin a Bacoli (NA), è una persona molto silenziosa, ma i suoi piatti raccontano decisamente la sua cucina “sincera”.

“Originario di Quarto Flegreo, non ama identificarsi nelle cucine della nonna o della mamma come da classica tradizione partenopea, piuttosto porta alla sua tavola il forte e importante rapporto con il mare che conserva nei ricordi della sua infanzia. La storia dei Campi Flegrei è espressione dell’unione contadina e di mare che dialogano in modo fertile: l’anima mediterranea è riconoscibile e rappresenta un rifugio sicuro ed elegante per il cliente che arriva al ristorante”.

Risotto,zucca, anguilla e rafano by Angelo Carannante

Tra i piatti che lo Chef Carannante ha pensato per la cena a quattro mani ricordiamo: l’amuse bouche “oct dog”, un omaggio all’iconico hot dog americano rivisitato in chiave gourmet con panino al vapore fritto e croccante e una salsiccia di polpo alla luciana.

Hot dog gourmet by Angelo Carannante

E poi il “Gambero, latte di arachidi, carota fermentata e caviale” la cui freschezza e pulizia ti prepara il palato nel momento dell’antipasto in cui troviamo una salsa liscia e setosa a base di arachidi, un gambero rosso crudo che rende la carnosità, caviale e olio alla carota fermentata.

Gambero, latte di arachidi, carota fermentata e caviale by Angelo Carannante

Cosa dire di Luigi Salomone che conosco da sempre. La sua cucina è sinonimo di armonia e qualità, un viaggio di emozioni attraverso le sue origini, per lui la tradizione e la sua terra sono alla base di ogni ricetta. Il suo dna gastronomico è quello di riuscire a mantenere sempre quel ricordo che cattura, oltre il palato, anche il cuore.

Dello Chef Salomone mi piace ricordare il ribeye di manzo, erbe amare e ostrica, un secondo piatto godurioso e omogeneo in cui il “grasso” della carne è perfettamente bilanciato con il sentore affumicato della polvere d’olio fumé.

Ribeye di manzo by chef Luigi Salomone

E poi, come non citare, lo iodio dell’ostrica resa a maionese, cocco ananas, rum bianco e melissa, uno dei dolci signature dello chef che non può mai mancare. La leggerezza e l’ acidità dell’ananas si sposa con la corposità della namelaka al cioccolato e la croccantezza della meringa sbriciolata.

Cocco ananas, rum bianco e melissa by chef Luigi Salomone


The last but not list, è arrivato il “panettone al cioccolato bianco e tre agrumi”: un fine pasto perfetto per coronare una cena indimenticabile. Un percorso tra le “stelle” certo, ma senza mai dimenticare le origini di questi due grand interpreti della cucina italiana e internazionale.

Panettone al cioccolato bianco e tre agrumi by chef Luigi Salomone

Non poteva mancare l’accompagnamento dei vini: il sommelier Salvatore Matarazzo ha pensato un abbinamento vini sempre coerente alla filosofia della serata, scegliendo due aziende esponenti del territorio vulcanico del Vesuvio: la Cantina Astroni nel cuore dei Campi Flegrei e Cantina Sorrentino a Boscotrecase nei Paesi Vesuviani.

Cosa mi resta di questa cena a 4 mani?
Se chiudo gli occhi e lascio al gusto la parola, direi che due grandi chef, diversi, possono, grazie alla complicità in cucina, creare esperimenti col gusto di stupire. Così, l’effetto finale al tavolo, si concretizza in un percorso degustazione che non è solo la giustapposizione di piatti firmati, ma un menù che sa provocare senza perdere in concetto di “territorio di appartenenza”.
Chapeau!!!

Antonio D'amore

Sono nato a Napoli, una sera di luglio verso la fine degli anni settanta. Cresciuto a pane e motori, sono da sempre la mia grande passione. Prima le auto e poi le moto hanno occupato gran parte dei...

Leave a comment

Rispondi Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.