Esperti gastronomici, nutrizionisti, biologi, agricoltori, agronomi, cuochi, designer, educatori e formatori da ogni parte d’Italia, oggi lavorano insieme per sostenere le future generazioni in un grande progetto di educazione alimentare. Si chiama “Piccole Cime Crescono” è un progetto rivolto alle scuole primarie e intende promuovere un percorso educativo che tuteli la biodiversità, prendendosi cura di aiuole, giardini e davanzali scolastici abbandonati, grazie alla presenza di educatori e agricoltori “Cime di Rapa”.

Da sempre attenti ad un’alimentazione che guarda alle ricette della tradizione e contemporaneamente a moderne tecniche di preparazione, Cime di Rapa nasce nel 2016  in Puglia per iniziativa dell’Agenzia Formativa Ulisse come una scuola di cucina ed ente di formazione accreditato presso la Regione, impegnata tra le altre cose a favorire l’inserimento lavorativo di persone in difficoltà, in collaborazione con i centri di assistenza sociale regionali e con le associazioni di supporto a donne vittime di violenza, ragazzi che hanno abbandonato la scuola, persone emarginate e desiderose di imparare un mestiere.

Al momento, Cime di Rapa si sviluppa su tre fronti: il food truck, l’urban food e il farm food. Ora c’è anche la parte “educational” con il progetto nazionale “Piccole Cime Crescono” che mira a diffondere l’educazione alimentare e la tutela della biodiversità nelle scuole primarie: la costruzione di un orto didattico ha l’obiettivo di formare divertendosi, di far crescere piccole “Cime” consapevoli: bambini che, già da piccoli, sappiano dare valore alla cura della terra e dei prodotti vegetali, così come Cime di Rapa fa ogni giorno.

I benefici di un orto didattico sono tanti: in primis, risveglia nei bambini l’interesse verso la natura e i suoi prodotti e poi sviluppa un senso di responsabilità, favorisce la costruzione personale da un punto di vista fisico, emotivo e cognitivo. Lavorando in gruppo, i bambini acquisiscono abilità e competenze, rafforzano la propria autostima perché vedono e gustano i frutti del proprio lavoro. Inoltre, si lavora sulla capacità di apprendimento e la memoria (i bambini imparano il nome delle piante, la ciclicità delle stagioni, i tempi di semina e raccolta), si sviluppano le loro capacità organizzative (come la sistemazione dello spazio e gestione dei tempi dell’orto) migliorando il loro umore e favorendo un atteggiamento calmo e paziente.

Per ulteriori info www.cimedirapa.eu/educationhttps://www.cimedirapa.eu/piccolecimecrescono/

Federica Sabato

Federica Sabato divide la sua vita professionale tra l’attività giornalistica e quella di educatrice all’interno delle comunità per minori e nelle scuole, oltre ad essere impegnata nel mondo del...

Leave a comment

Rispondi Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.