Ostriche, crudi di mare e sashimi si degustano ad alta quota: Litho 55 a Dinner in The Sky

Lunch in the sky_1000x523_2

 

Litho 55 a Dinner in The Sky

ostriche, crudi di mare e sashimi si degustano ad alta quota

Giovedì 3 giugno 2021 | Fontana dell’Esedra della Mostra d’Oltremare

Napoli – Giovedì 3 giugno, dalle 12.45 alle 15, si pranza ad alta quota con Dinner in The Sky e la cucina di Raffaele Dell’Aria, executive chef del Ristorante Litho 55 tradizione, sushi e cocktails.

Il ristorante più stravagante del mondo che arriva a Napoli dal 2 al 6 giugno, ospita la cucina dell’esclusivo food affair di Portici (Na) che combina design, alta cucina mediterranea e giapponese con vista su Capri.

Una vera e propria sfida gastronomica per lo chef Dell’Aria che, per la prima volta, si trova a cucinare sospeso tra cielo e terra piatti pensati per l’occasione e preparati al momento. Materie prime del territorio, pescato fresco, crudi di mare e crostacei accompagnate dai vini di San Marzano: Liboll Spumante Extra Dry per l’aperitivo, Tramari Rosé di Primitivo Salento IGP per l’antipasto e Edda Bianco Salento IGP per il primo piatto.

Un pranzo mai vissuto prima, servito a 50 metri di altezza, un’esperienza unica, ricca di gusto e spunti sensoriali con un menu di declinazioni di mare: entrées di conetti di alghe di mare con salsa iodata, sashimi di salmone e teriyaki. A seguire, antipasto di tartare di palamita con scapece di zucchine, uova di pesce volante e gel di lamponi. Il pranzo proseguirà, poi, con Raviolo ripieno di ostriche e ricotta, crudo di gamberi marinati al lime e mirin, salsa di provola, spuma al basilico e salicornia arrosto. La tartelletta di passion fruit chiuderà l’esperienza gastronomica con un equilibrio di sapori e sentori.

Dinner in The Sky arriva per la prima volta a Napoli dal 2 al 6 giugno ed è organizzato da W.I.P. COMMUNICATION di Vincenzo Moriello e Vittorio Piccirillo con DINNER IN THE SKY ITALIA di Stefano Burotti e con la partecipazione di Kimbo, platinum sponsor e di Pepsi Max gold sponsor. Tutti gli appuntamenti si svolgeranno in conformità con tutte le norme anti Covid per offrire un’esperienza unica e sicura.

Il programma gastronomico è senza precedenti: sette chef stellati e il maestro pizzaiolo Franco Pepe che preparerà, per la prima volta al mondo, la pizza a 50 metri di altezza. Gli chef stellati che cucineranno sospesi tra cielo e terra sono Salvatore Bianco de Il Comandante – Romeo Hotel, Adriano Dentoni di La dispensa di Armatore, Domenico Iavarone di Josè Restaurant, Lino Scarallo di Palazzo Petrucci, Francesco Sposito di Taverna Estia, Luciano Villani de La Locanda del Borgo di Aquapetra e Marianna Vitale di Sud Ristorante. Ma non solo. Gli chef di J Japanese Restaurant – Giacomo Ignelzi e Kennedy Garduce – firmeranno una irripetibile sushi experience ad alta quota. La carta dei vini che accompagnerà le cene e i pranzi stellati è firmata da Wine&Thecity che porterà a bordo di Dinner in The Sky sette cantine di eccellenza: Astroni, DUBL, Feudi di San Gregorio, Frescobaldi, Mastroberardino, San Marzano, San Salvatore 1988.

Tutto il programma è consultabile su www.dinnerinthesky.it

Come funziona l’accesso a Dinner in The sky.

Dinner in The Sky è una piattaforma da 5 tonnellate che sale fino a 50 metri di altezza sollevata su 16 cavi di acciaio da una gru da 120 tonnellate. Al centro c’è un tavolo per 22 ospiti che sono assicurati alle poltrone da imbracature comode e sicure. Un team di tecnici è sempre presente a bordo. Prima di salire sulla piattaforma, gli ospiti vengono accolti con un aperitivo di benvenuto nel Village allestito alla base: un salotto open air di design per prepararsi alla grande emozione. Due alla volta, saliranno sulla piattaforma e il personale di sicurezza si occuperà di allacciarli ai sedili, in stile Formula 1. Una volta che tutti avranno preso posto, inizierà un countdown di 10 secondi per salire in quota ad un’altezza di cinquanta metri, dove si svolgerà l’evento.

Ristorante LITHO 55:

Ristorante di design, finedining, sushi e cocktail bar contemporaneo, a Portici (Na) sulla costa partenopea. Litho55 si esprime attraverso la cucina creativa di Raffaele Dell’Aria, chef giovane e di esperienza, cresciuto nella brigata di Francesco Sposito Due Stelle Michelin di Taverna Estia a Brusciano. Classe 1988, la sua è una cucina di territorio che trova la sua propria identità in ingredienti, materie prime e tecniche di preparazione.

Il mare è protagonista. Si vede, si sente, si assapora: è a pochi passi, oltre le grandi vetrate del ristorante, è nella preparazione a vista dei crudi e del sushi, è nei piatti, nei profumi di una cucina che combina con equilibrio tradizione e creatività.

Informazioni e prenotazioni:

Costo: euro 149,00 per persona

Un evento di Work in Progress – WIP Communication S.r.l.

Organizzazione: WIP Communication – Tel. 0823.555791 – www.wkprogress.com

Consulenza vini e chef stellati: Wine&Thecity

Prenotazioni e ticket on line: www.etes.it

PER LA PRIMA VOLTA UNA WINE TASTING EXPERIENCE AD ALTA QUOTA: TORNA WINEANDTHECITY

Wine&Thecity in The Sky

Per la prima volta a Napoli una wine tasting experience in alta quota

Giovedì 3 giugno 2021 | Fontana dell’Esedra della Mostra d’Oltremare

L’ebbrezza creativa di Wine&Thecity vola alto: giovedì 3 giugno dalle 18.15 alle 19.15, Wine&Thecity sale a 50 metri di altezza con Dinner in The Sky, il ristorante più stravagante del mondo che arriva a Napoli dal 2 al 6 giugno.

Con gli Spumanti Metodo Classico DUBL, eccellenza della vitivinicoltura del Sud Italia, e i finger food di Roberto Allocca, executive chef del Ristorante Marennà dei Feudi di San Gregorio, Wine&Thecity propone un aperitivo davvero unconventional, tra gusto e vertigini di bellezza.

Un percorso nella cucina del Marennà in bocconi, sei assaggi dei piatti simbolo del ristorante e dello chef: dalle lumache in zuppa forte alla pasta all’uovo ripiena di broccolo Aprilatico fino alla fragola in aglianico e blu di pecora.

L’appuntamento è sulla piattaforma di Dinner in The Sky nei giardini della storica Fontana dell’Esedra alla Mostra d’Oltremare di Napoli. È riservato a soli 22 ospiti che saliranno a bordo per vivere una wine tasting experience esclusiva e decisamente oltre l’ordinario.

<In oltre 13 edizioni di Wine&Thecity, abbiamo portato calici e vini nei luoghi più belli ed insoliti di Napoli: in kayak lungo la costa di Posillipo, nelle catacombe del rione Sanità, in chiese sconsacrate, in giardini privati, nei musei, per le scale storiche della città, per le vie dello shopping e in luoghi mai aperti prima. Ci mancava la degustazione in alta quota e, con Wine&Thecity in The Sky realizzato con Dinner in The Sky, aggiungiamo un tassello nuovo alla nostra storia>, dichiara Donatella Bernabò Silorata ideatrice di Wine&Thecity.

Dinner in The Sky arriva per la prima volta a Napoli dal 2 al 6 giugno ed è organizzato da W.I.P. COMMUNICATION di Vincenzo Moriello e Vittorio Piccirillo con DINNER IN THE SKY ITALIA di Stefano Burotti e con la partecipazione di Kimbo, platinum sponsor e di Pepsi Max gold sponsor. Tutti gli appuntamenti si svolgeranno in conformità con tutte le norme anti Covid per offrire un’esperienza unica e sicura.

Il programma gastronomico è senza precedenti: sette chef stellati e il maestro pizzaiolo Franco Pepe che preparerà, per la prima volta al mondo, la pizza a 50 metri di altezza. Gli chef stellati che cucineranno sospesi tra cielo e terra sono Salvatore Bianco de Il Comandante – Romeo Hotel, Adriano Dentoni di La dispensa di Armatore, Domenico Iavarone di Josè Restaurant, Lino Scarallo di Palazzo Petrucci, Francesco Sposito di Taverna Estia, Luciano Villani de La Locanda del Borgo di Aquapetra e Marianna Vitale di Sud Ristorante. Ma non solo. Gli chef di J Japanese Restaurant – Giacomo Ignelzi e Kennedy Garduce – firmeranno una irripetibile sushi experience ad alta quota. La carta dei vini che accompagnerà le cene e i pranzi stellati è firmata da Wine&Thecity che porterà a bordo di Dinner in The Sky sette cantine di eccellenza: Astroni, DUBL, Feudi di San Gregorio, Frescobaldi, Mastroberardino, Cantine San Marzano, San Salvatore 1988.

Tutto il programma è consultabile su www.dinnerinthesky.it

Come funziona l’accesso a Dinner in The sky.

Dinner in The Sky è una piattaforma da 5 tonnellate che sale fino a 50 metri di altezza sollevata su 16 cavi di acciaio da una gru da 120 tonnellate. Al centro c’è un tavolo per 22 ospiti che sono assicurati alle poltrone da imbracature comode e sicure. Un team di tecnici è sempre presente a bordo. Prima di salire sulla piattaforma, gli ospiti vengono accolti con un aperitivo di benvenuto nel Village allestito alla base: un salotto open air di design per prepararsi alla grande emozione. Due alla volta, saliranno sulla piattaforma e il personale di sicurezza si occuperà di allacciarli ai sedili, in stile Formula 1. Una volta che tutti avranno preso posto, inizierà un countdown di 10 secondi per salire in quota ad un’altezza di cinquanta metri, dove si svolgerà l’evento.

Informazioni e prenotazioni:

Costo: euro 119,00 per persona

Un evento di Work in Progress – WIP Communication S.r.l.

Organizzazione: WIP Communication – Tel. 0823.555791 – www.wkprogress.com

Consulenza vini e chef stellati: Wine&Thecity

Prenotazioni e ticket on line: www.etes.it

UFFICIO STAMPA e RELAZIONI PUBBLICHE: dipuntostudio.it Tel. 081 681505.

Gioco di sensi e la Luna protagonsiti di “WINE AND THE CITY” 2019

Wine&Thecity è una rassegna ideata da Donatella Bernabò Silorata. Protagonista della nuova edizione di tale rassegna è la luna, che dal 9 al 18 maggio celebrerà l’ebbrezza creativa e il buon vino a Napoli. Perché la luna? Perché maggio? Ce lo svela Donatella nell’intervista che segue.

A cosa ci riferiamo se parliamo di “Wine&THecity”?

“Wine&Thecity” è un progetto che ha come protagonista il vino. Il vino è sempre al centro delle nostre tavole, dei nostri pranzi e cene. Musa ispiratrice dell’edizione 2019 è la luna. Sarà l’anno del cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla luna. Inoltre, essa rappresenta la potenza femminile (il nostro è un team tutto al femminile), la mutevolezza, il cambiamento.

Qual è lo scopo di questo progetto?

L’intento di questa rassegna è unire vino, cibo ed arte. Non a caso, in occasione della presentazione di questo progetto, sono state esposte 10 foto, selezionate dal contest “L’ebbrezza del volo”, promosso nel 2018 da Aeroporto internazionale di Napoli e Wine and The City. Esse coniugano l’ebbrezza e il viaggio.

Come hanno accolto i napoletani il “Wine&Thecity?

Il Wine and the City ha riscosso un bel successo. Le persone e soprattutto i napoletani sono molto aperti alle novità. Gli chef di nuovi ristoranti che si stanno aprendo sono molto intraprendenti e ambiziosi, si percepisce una gran voglia di crescere. Napoli, dal punto  di vista culinario, sta raggiungendo ottimi obiettivi.

Com’è cambiato negli anni “Wine&THecity”?

È cambiata l’architettura della nostra rassegna. Ci saranno incontri dalla mattina con protagonista il vino, sempre. Il vino, non solo come aperitivo, ma come fulcro di ogni esperienza culinaria. Il periodo centrale sarà quello che andrà dal 9 al 18 maggio. Questo mese sarà fondamentale perché vedremo cantine ed altre zone di produzione aperte al pubblico.

Il vino diventerà nostro compagno di viaggio. Ci catapulterà in un mondo nuovo, perché nuova sarà la nostra prospettiva di esso. Lo scopo di “Wine&Thecity” sarà sempre coniugare vino, poesia, design, moda e cultura. Protagonista delle nostre tavole, ma anche dei nostri cuori!