Wellness il nuovo caffè decerato di Lavazza

Lavazza

Wellness è il nuovo caffè decerato di Lavazza pensato per chi vuole essere in armonia in ogni momento della giornata e prendersi cura di sé ascoltando il proprio corpo, senza rinunciare al gusto e al piacere.

Da Lavazza il nuovo ¡Tierra! Wellness: caffè decerato che non rinuncia al gusto.

Caffè Decerato​ ​ideale per la Mok​a​ ​(​preparare questa miscela con la caffettiera moka​).​

¡Tierra! Wellness è il nuovo caffè decerato di Lavazza pensato per chi vuole prendersi cura di sé senza rinunciare al gusto e al piacere del caffè.

¡Tierra! Wellness Caffè Decerato

Dewaxed Coffee/ Caffè Decerato

¡Tierra! Wellness Caffè Decerato

Da oggi Lavazza ha creato un caffè gentile per te, a ridotto contenuto di cere che naturalmente rivestono il chicco, grazie ad una lavorazione che ne riduce l’acidità e mantiene inalterati aroma e proprietà del caffè.

www.lavazza.it/it/caffe/macinato/tierra-wellness-decerato.html

Miscela di caffè torrefatto macinato, sottoposto a processo di deceratura. Note aromatiche: cioccolato; intensità delicata, tostatura media, composizione Arabica e Robusta.

Origine: ​p​revalentemente Sud America e Africa. Lavorazione: 100% Made in Italy.

Una volta provato non si torna più indietro, è veramente delicato e squisito.

Per un piacere maggiore, potete abbinarlo alle Sweet Bites, sono delle croccanti mandorline avvolte in un gustoso cioccolato e spolverate di cacao amaro, singolarmente confezionate, per rendere il vostro caffè un vero e proprio momento di piacere.

www.lavazza.it/it/accessori/golosita/sweet_bites_mandorlealcioccolato.html

Il Tartufo Pistacchio e Lampone firmato La Perla di Torino

Un morbido impasto di cioccolato bianco con pistacchi interi e lamponi profumati, spolverato di zucchero a velo: il Tartufo Pistacchio e Lampone è il nuovo guilty pleasure che nasce dall’inedito abbinamento ideato dalla maestria e della ricerca del brand La Perla di Torino, realtà d’eccellenza nel mondo del cioccolato.

Una creazione raffinata che fa incontrare la dolcezza del cioccolato bianco, il gusto pieno dei pistacchi e un tocco di acidità regalato dai lamponi per una ricetta dai sentori freschi ed estivi che saprà conquistare tutti. I lamponi sono frutti dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, mentre i pistacchi sono proteine vegetali, ricchi di sali minerali e vitamine: l’incontro di questi due ingredienti consente di creare un bilanciamento di gusto perfetto, che regala un mix sano e goloso a questo nuovo tartufo.

Un incontro sorprendente per un’originale declinazione di tartufo che si inserisce nel ricco ventaglio di proposte del brand torinese, che ha fatto di questo prodotto la sua punta di diamante, e che è stato pensato per realizzare un gusto fresco ed estivo, perfetto per concludere una cena di fine estate o regalarsi una coccola di dolcezza dai sentori fruttati, in grado di lasciare una piacevole freschezza al palato.

“Siamo davvero felici del risultato ottenuto con il Tartufo Pistacchio e Lampone.” spiega entusiasta Valentina Arzilli, CEO dell’azienda La Perla di Torino. “Sentivamo l’esigenza di inserire una creazione fruttata nella nostra collezione, piacevole da gustare in ogni periodo dell’anno. Sicuramente non abbiamo mai avuto dubbi che il lampone fosse l’ingrediente più adatto perché si sposa con ogni tipo di cioccolato, ma abbiamo dovuto sperimentare diversi abbinamenti prima di arrivare al risultato desiderato per creare qualcosa di diverso dal classico binomio fondente-lampone. Nella nostra ricerca ci ha guidato il desiderio di lanciare un gusto fresco, nuovo e giovane: così abbiamo unito lampone, cioccolato bianco e pistacchi interi, che regalano una piacevole parte crunchy alla ricetta, per un abbinamento ancora poco visto sul mercato che racchiude un’esplosione di dolcezza e freschezza ad ogni morso.”

“Studiare questa ricetta è stato molto divertente, perché abbiamo sperimentato diversi abbinamenti prima di trovare quello che ci soddisfasse e fosse diverso dalla maggior parte delle proposte già presenti sul mercato.” spiega Filippo Novelli, Pastry Chef e Responsabile di Produzione del brand torinese. “Oltre al mix di sapori e contrasti che offre, la parte interessante di questo tartufo è anche la sua consistenza data dal crispy di lampone. Il nostro lampone crispy è particolare perché, a differenza di quelli che si trovano per la maggioranza sul mercato, deriva dall’essiccazione della purea di lampone e quindi non contiene semi che possono disturbare nella masticazione. La purea di frutta si ottiene setacciando la parte commestibile dei frutti interi o pelati, senza eliminare il succo. Il frutto viene lavato, denocciolato e schiacciato e una volta ottenuta la purea, questa viene essiccata e ridotta in fiocchi detti anche crispy. Un processo che consente di ottenere un prodotto di qualità, naturale e ricco di gusto.”

Abbinamenti e idee golose per esaltare il gusto del Tartufo Pistacchio e Lampone

Il gusto del Tartufo Pistacchio e Lampone è un perfetto equilibrio tra note dolci e acidule, e per questo si presta anche ad utilizzi e abbinamenti diversi che spaziano dall’aperitivo al dessert. Ecco alcune idee originali per abbinare questo tartufo in modo ricercato e goloso:

– Bollicine rosée e Tartufo Pistacchio e Lampone: il colpo di fulmine per palati raffinati
Tartufo di cioccolato e bollicine è il nuovo pairing da sperimentare per un aperitivo originale o al momento del dessert. Le pink label sono un trend inarrestabile sul mercato e sono decisamente la scelta preferita dai consumatori per un momento di convivialità e relax, in particolare il gusto fruttuto e il raffinato perlage degli sparkling rosé si sposano perfettamente con i sentori del nuovo gusto Pistacchio e Lampone per un abbinamento inedito ed elegante, perfetto da gustare a fine pasto o anche pre dinner. L’acidità che accomuna entrambi è la tendenza sensoriale del decennio, in più le bollicine rosé hanno un importante bouquet floreale che rendono l’accompagnamento ideale per valorizzare e accentuare il gusto fresco del tartufo. Un’idea per soprendere gli ospiti con un match di gusto originale ed elegante, o semplicemente per regalarsi un momento di piacere. 

– Al pistacchio piace il lamponeun dessert firmato dal Pastry Chef Filippo Novelli per un fine pasto di classe
Oltre che da gustare in purezza, il nuovo tartufo del brand torinese si sposa molto bene all’interno di dessert freschi e raffinati come Al pistacchio piace il lampone, una creazione firmata da Filippo Novelli, Pastry Chef e Responsabile di produzione dell’azienda La Perla di Torino, che nella sua ricetta esalta in modo originale il gusto di questo nuovo tartufo abbinanadolo a un cremoso di cioccolato bianco e lamponi freschi con una piacevole parte crunchy data dall’inserimento di pistacchi interi e crispy di lampone. Una ricetta perfetta per concludere una cena in terrazza con gli amici o per stupire durante una serata romantica.

Ingredienti dessert:
Cremoso al cioccolato bianco e vaniglia
Pomata di lamponi
Pistacchi tostati interi
Crispy lampone fouillete
Lamponi freschi
Tartufi Pistacchio e Lampone La Perla di Torino

Per il Cremoso:
Panna 500 g
Zucchero a velo 40 g
Cioccolato bianco 100 g
Gelatina in fogli 1%
Vaniglia 1 bacca

Procedimento:
Scaldare la panna e lo zucchero a velo fino a 60°.
Unire la colla di pesce precedentemente messa a mollo in acqua fredda, ben strizzata e la vaniglia, mixare bene senza fare incorporare bolle d’aria.
Mettere in un ampio recipiente e coprire con pellicola trasparente a contatto e porre a riposare in frigorifero per almeno 4/6 ore.
Una volta ben freddo porre in una piccola planetaria e montare fino a raggiungere una densità compatta ma morbida
Inserire il cremoso montato in un sac-à-poche e riporre in frigorifero.

Per la Pomata di Lamponi:
Polpa lampone 300 g
Zucchero 50 g
Acqua 50 g
Agar agar 5 g

Procedimento:
Unire tutti gli ingredienti e farli bollire in un pentolino per 2 minuti
Lasciare raffreddare per 1.30 minuti con pellicola a contatto
Mixare gli ingredienti

Preparazione dessert:
In un piatto tipo cappello da prete fare tre grandi spumoni con il cremoso al cioccolato bianco e vaniglia
Aggiungere in mezzo una cucchiaiata abbondante di Crispy lampone fouilleté
Con la pomata di lampone fare dei piccoli spumoncini a lato del cremoso
Aggiungere i pistacchi tagliati grossolanamente per esaltare il verde interno
Decorare con lamponi freschi tagliati a metà
Per ultimo disporre delle fettine sottili di Tartufo Pistacchio e Lampone La Perla di Torino 

Fiberbianco, il panino di farina intera che coniuga il gusto con la salute

Arriva Fiberbianco, il panino che coniuga il gusto con la salute. Non una pubblicità ingannevole, ma il frutto di un lungo lavoro di ricerca per bilanciare: gusto, fibre e calorie del prodotto più facile da consumare durante l’arco della giornata.

Questo il piccolo segreto di Fiberbianco, il panino composto interamente da farina intera. L’unica farina non raffinata che conserva integre le parti nobili del chicco, assumendo così tutti i vantaggi di quella integrale.

A realizzare il prodotto è una storica azienda di Marano “Le vie del grano dal 1958”. L’intero processo è illustrato dal direttore tecnico Antonio Visconti che rivela: “Siamo riusciti a realizzare un panino che vanta caratteristiche migliori di quelli realizzati con la farina integrale. Non contiene lignina e risulta gradevole al palato”.
Il progetto “Farina Intera” è stato presentato all’Expo 2015 e poi sposato dall’azienda “Le vie del Grano”. La materia prima arriva, in esclusiva per la Campania, dal Molino Varvello per essere poi trasformata in panini fragranti.

Rispetto ad un comune pane integrale, in Fiberbianco sono presenti almeno il 20% in più di fibre. Altro aspetto da tener presente è quello relativo all’indice glicemico. Solo 41,8 contro i 70 detenuti normalmente dalla farina integrale. Ideale per i soggetti diabetici, ma più in generale per quelli che hanno la necessità di tenere l’alimentazione sotto controllo.
Il panino Fiberbianco è già presente nella grande distribuzione, vanta una shelflife di 12 giorni. Ma i vantaggi sono sono finiti: “Favorisce il senso di sazietà -spiega Antonio Visconti- e aiuta il normale funzionamento della funzione cerebrale. Insomma un vero toccasana per quanti non vogliono rinunciare al pane senza trascurare la salute”.

L’ultima differenza da non trascurare è quella della biodisponibilità. Entrando nel dettaglio Visconti conclude illustrando concetti scientifici: “La farina integrale ha la biodisponibilità di fibra solubile che viene assorbita dal consumatore solo nell’ultimo tratto dell’intestino crasso. Fiberbianco ne vanta un 20% in più e disponibili subito. Fin dalla bocca e quindi dalla fase di masticazione iniziamo ad assorbirle: meglio di quanto avviene con l’integrale”.
Lasciando la parte scientifica si passa a quella del gusto. Volendo preparare un gustoso panino basta riscaldarlo in forno a 180° per 8 o 10 minuti. Si ottiene una fragranza tanto superiore quanto indimenticabile.

A Marina di Ragusa il leggendario ristorante “Il Delfino”

La Sicilia Sud Orientale è oramai uno dei luoghi più visitati d’Italia. In particolare la provincia ragusana che, piena di luoghi d’arte e di mare, sta diventando grande meta turistica e soprattutto gastronomica. Marina di Ragusa in questo non si distingue. È la località più visitata di tutto il litorale ibleo grazie a innate caratteristiche che rendono il suo lungomare un luogo sicuro con strutture ricettive, ristoranti e ottima qualità delle spiagge. Con un panorama spettacolare e direttamente sulla spiaggia abbiamo visitato un ristorante leggendario di questa zona: “Il Delfino”, dello chef Vincenzo Mormina.

Profumi straordinari, una cucina tradizionale e mediterranea, la freschezza del pescato, sono le caratteristiche intatte di questo posto che rivela da subito le origini di una cucina, quella siciliana e di mare, arcaica, pura e genuina.

Mormina ha una storia incredibile e degna di essere raccontata: un passato come geometra a Milano con origini salde nel ragusano e un rientro per amore della sua regione dove rileva l’attività del suocero e, in breve tempo, trasforma (grazie all’aiuto preziosissimo della moglie) Il Delfino in un tempio assoluto del pesce siciliano.

Piatti come le cozze in crosta o l’ottimo polpo, fino a primi eccellenti come la loro pasta con le sarde, rivelano un preziosissimo esempio di ricerca che non si limita per forza allo sperimentalismo gastronomico, ma denotano un percorso che ritrova e impone il valore più arcaico della degustazione culinaria: il semplice e banalissimo gusto.

Un servizio impeccabile, un approccio ai tavoli fatto di educazione e gentilezza e un’attenzione al cliente che viene con prole (il sottoscritto si è permesso di portare l’intera famiglia, compresi bimbi piccoli) fanno de Il Delfino non solo una delle migliori tappe per chi cerca il semplicissimo “pescato del giorno”, ma anche un luogo sicuro per chi cerca diversificazione nei piatti (dal semplice antipasto, alla grigliata di pesce, fino al sempreverde cocktail di scampi).

Insomma, un ristorante che lascia il segno, che non estremizza la “ricercatezza”, ma propone semplicemente le più importanti specialità di mare della zona, con dedizione, impegno e grande professionalità.

 

Il Rinascimento del Gusto secondo gli alberghi Hilton

L’estate è nel pieno del suo splendore, e questo è senza dubbio il periodo dell’anno migliore per concedersi un po’ di dolce far niente nelle destinazioni più suggestive d’Italia, coccolati dal saper fare e dalla qualità che gli alberghi Hilton sanno dedicare ai propri ospiti.

E lo fanno alla maniera italiana, celebrando una sorta di nuovo rinascimento, perché anche l’arte dell’ospitalità e del buon cibo possano rappresentare quella sensazione di leggerezza e quel desiderio di stare insieme con il buon gusto che da sempre contraddistingue l’Italia.

Alcune delle espressioni più creative dell’arte e dell’artigianato, infatti, sono state prodotte dal Rinascimento italiano, e il progetto “Il Rinascimento del Gusto” vuole esprimere proprio questo: una rinascita della creatività e del gusto italiani, che potrà essere vissuta gustando prodotti eccellenti in luoghi iconici e con un servizio perfetto.

Ed è così che Sorrento, Roma, Venezia e Milano sono teatro di questo spirito positivo, alla riscoperta dei momenti di pausa, dedicati alla contemplazione del bello e alla degustazione del buono, con un’attenta selezione di prodotti in grado di rendere un semplice “spuntino” una vera opera d’arte. Momenti unici, al fresco di un giardino o su una terrazza panoramica, da condividere in famiglia o con gli amici dopo le incursioni nelle meraviglie delle città iconiche italiane, per una pausa in una giornata di incontri di lavoro o tra uno scalo e l’altro del proprio itinerario di viaggio.

E per farlo la Hilton ha selezionato i migliori produttori: il Rosolio di Bergamotto Italicus, il gelato Grom e i vini del Gruppo Lunelli.

All’Hilton Molino Stucky di Venezia, ad esempio, lo Skyline Rooftop Bar ha creato alcuni sapienti abbinamenti per un aperitivo unico: come le lamelle di pesce affumicato e marinato create dallo chef Luca Nania  in abbinamento con il cocktail Giorgione’s Passion, a base di Rum bianco, passion fruit e uno shot di  spumeggiante Ferrari Trento, ideato da Gabriele Cusimano. Un’elegante esperienza del gusto dal meraviglioso colpo d’occhio unico sulla città-museo più iconica al mondo.

Al Pagoda Bar dell’Hilton Sorrento Palace, a bordo della scenografica piscina con vista sul golfo e nei profumi dell’agrumeto, il carrello di gelati Grom, realizzato con ingredienti di origine naturale e senza coloranti e aromi, è l’ideale per vivere un momento di pura meraviglia per nutrire i propri sensi e immergersi nella bellezza del paesaggio.

All’Hilton Milan, sofisticato hotel ideale per scoprire la città della moda, il Concept45, ristorante accogliente ed elegante che offre un viaggio attraverso i sapori tipici della cucina tipica del Nord Italia, ha preparato un menu in cui l’aperitivo modaiolo vede, tra l’altro, il Pinot Nero D.O.C. Maso Montalto delle Tenute Lunelli abbinato al Chevice di Sgombro e Gamberi o al Blinis con salmone marinato alla vodka, crema di latte e caviale di lime.

All’Aleph Rome Hotel, Curio Collection by Hilton, elegante proprietà nel cuore di Roma, lo Sky Blu Rooftop l’esperienza Bites and Bar vede un aperitivo con il Rosolio Italicus – l’aperitivo dei Re – in vero stile italiano, con uno Spritz moderno al gusto di bergamotto, accompagnato dai famosi Bites creati dallo chef Carmine Buonanno per uno spuntino veloce ma gustosissimo.

Sempre a Roma, al Rome Cavalieri, A Waldorf Astoria Hotel, magnifico resort a pochi minuti dal centro di Roma, l’arte italiana incontra la bellezza della natura: sulla terrazza del Tiepolo Bar, a due passi dal famoso trittico di Tiepolo che dà il benvenuto all’ospite con l’eleganza di un capolavoro raro, ci si rilassa immersi nel parco mediterraneo sorseggiando un ottimo calice di Prosecco Superiore Bisol1542, e degustando gli stuzzichini golosi ricchi dai colorati sapori estivi.

Un rinascimento tanto desiderato, per vivere in spensierata allegria un relax italiano tra gusto, vista e vibrazioni mediterranee.

Hilton 

Hilton (NYSE: HLT) è un’azienda leader mondiale nel settore dell’ospitalità con un portfolio di 18 brand di livello mondiale, con più di 6.500 hotel e circa un milione di camere, in 119 paesi e territori. Dedicata a compiere la propria missione di azienda più ospitale al mondo, Hilton ha accolto oltre 3 miliardi di ospiti da quando è stata fondata, oltre 100 anni fa. Nel 2020 si è guadagnata un posto nella classifica dei migliori luoghi di lavoro ed è stata nominata Leader globale del settore 2019 agli Indici Dow Jones per la sostenibilità. Nel 2020 è stato introdotto il programma Hilton CleanStay per portare negli hotel di tutto il mondo uno standard di pulizia e sanificazione unico nel settore. Attraverso il prestigioso programma di fedeltà per gli ospiti Hilton Honors, gli oltre 115 milioni di membri che prenotano direttamente con Hilton possono accumulare Points per soggiorni in hotel ed esperienze impagabili, oltre ad usufruire di vantaggi immediate, come il check-in digitale con la selezione della stanza, Digital Key e Connected Room.

Per maggiori informazioni visitate il sito newsroom.hilton.com e rimanete in contatto con Hilton su FacebookTwitterLinkedInInstagram e YouTube.