Il Tartufo Pistacchio e Lampone firmato La Perla di Torino

Un morbido impasto di cioccolato bianco con pistacchi interi e lamponi profumati, spolverato di zucchero a velo: il Tartufo Pistacchio e Lampone è il nuovo guilty pleasure che nasce dall’inedito abbinamento ideato dalla maestria e della ricerca del brand La Perla di Torino, realtà d’eccellenza nel mondo del cioccolato.

Una creazione raffinata che fa incontrare la dolcezza del cioccolato bianco, il gusto pieno dei pistacchi e un tocco di acidità regalato dai lamponi per una ricetta dai sentori freschi ed estivi che saprà conquistare tutti. I lamponi sono frutti dalle proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, mentre i pistacchi sono proteine vegetali, ricchi di sali minerali e vitamine: l’incontro di questi due ingredienti consente di creare un bilanciamento di gusto perfetto, che regala un mix sano e goloso a questo nuovo tartufo.

Un incontro sorprendente per un’originale declinazione di tartufo che si inserisce nel ricco ventaglio di proposte del brand torinese, che ha fatto di questo prodotto la sua punta di diamante, e che è stato pensato per realizzare un gusto fresco ed estivo, perfetto per concludere una cena di fine estate o regalarsi una coccola di dolcezza dai sentori fruttati, in grado di lasciare una piacevole freschezza al palato.

“Siamo davvero felici del risultato ottenuto con il Tartufo Pistacchio e Lampone.” spiega entusiasta Valentina Arzilli, CEO dell’azienda La Perla di Torino. “Sentivamo l’esigenza di inserire una creazione fruttata nella nostra collezione, piacevole da gustare in ogni periodo dell’anno. Sicuramente non abbiamo mai avuto dubbi che il lampone fosse l’ingrediente più adatto perché si sposa con ogni tipo di cioccolato, ma abbiamo dovuto sperimentare diversi abbinamenti prima di arrivare al risultato desiderato per creare qualcosa di diverso dal classico binomio fondente-lampone. Nella nostra ricerca ci ha guidato il desiderio di lanciare un gusto fresco, nuovo e giovane: così abbiamo unito lampone, cioccolato bianco e pistacchi interi, che regalano una piacevole parte crunchy alla ricetta, per un abbinamento ancora poco visto sul mercato che racchiude un’esplosione di dolcezza e freschezza ad ogni morso.”

“Studiare questa ricetta è stato molto divertente, perché abbiamo sperimentato diversi abbinamenti prima di trovare quello che ci soddisfasse e fosse diverso dalla maggior parte delle proposte già presenti sul mercato.” spiega Filippo Novelli, Pastry Chef e Responsabile di Produzione del brand torinese. “Oltre al mix di sapori e contrasti che offre, la parte interessante di questo tartufo è anche la sua consistenza data dal crispy di lampone. Il nostro lampone crispy è particolare perché, a differenza di quelli che si trovano per la maggioranza sul mercato, deriva dall’essiccazione della purea di lampone e quindi non contiene semi che possono disturbare nella masticazione. La purea di frutta si ottiene setacciando la parte commestibile dei frutti interi o pelati, senza eliminare il succo. Il frutto viene lavato, denocciolato e schiacciato e una volta ottenuta la purea, questa viene essiccata e ridotta in fiocchi detti anche crispy. Un processo che consente di ottenere un prodotto di qualità, naturale e ricco di gusto.”

Abbinamenti e idee golose per esaltare il gusto del Tartufo Pistacchio e Lampone

Il gusto del Tartufo Pistacchio e Lampone è un perfetto equilibrio tra note dolci e acidule, e per questo si presta anche ad utilizzi e abbinamenti diversi che spaziano dall’aperitivo al dessert. Ecco alcune idee originali per abbinare questo tartufo in modo ricercato e goloso:

– Bollicine rosée e Tartufo Pistacchio e Lampone: il colpo di fulmine per palati raffinati
Tartufo di cioccolato e bollicine è il nuovo pairing da sperimentare per un aperitivo originale o al momento del dessert. Le pink label sono un trend inarrestabile sul mercato e sono decisamente la scelta preferita dai consumatori per un momento di convivialità e relax, in particolare il gusto fruttuto e il raffinato perlage degli sparkling rosé si sposano perfettamente con i sentori del nuovo gusto Pistacchio e Lampone per un abbinamento inedito ed elegante, perfetto da gustare a fine pasto o anche pre dinner. L’acidità che accomuna entrambi è la tendenza sensoriale del decennio, in più le bollicine rosé hanno un importante bouquet floreale che rendono l’accompagnamento ideale per valorizzare e accentuare il gusto fresco del tartufo. Un’idea per soprendere gli ospiti con un match di gusto originale ed elegante, o semplicemente per regalarsi un momento di piacere. 

– Al pistacchio piace il lamponeun dessert firmato dal Pastry Chef Filippo Novelli per un fine pasto di classe
Oltre che da gustare in purezza, il nuovo tartufo del brand torinese si sposa molto bene all’interno di dessert freschi e raffinati come Al pistacchio piace il lampone, una creazione firmata da Filippo Novelli, Pastry Chef e Responsabile di produzione dell’azienda La Perla di Torino, che nella sua ricetta esalta in modo originale il gusto di questo nuovo tartufo abbinanadolo a un cremoso di cioccolato bianco e lamponi freschi con una piacevole parte crunchy data dall’inserimento di pistacchi interi e crispy di lampone. Una ricetta perfetta per concludere una cena in terrazza con gli amici o per stupire durante una serata romantica.

Ingredienti dessert:
Cremoso al cioccolato bianco e vaniglia
Pomata di lamponi
Pistacchi tostati interi
Crispy lampone fouillete
Lamponi freschi
Tartufi Pistacchio e Lampone La Perla di Torino

Per il Cremoso:
Panna 500 g
Zucchero a velo 40 g
Cioccolato bianco 100 g
Gelatina in fogli 1%
Vaniglia 1 bacca

Procedimento:
Scaldare la panna e lo zucchero a velo fino a 60°.
Unire la colla di pesce precedentemente messa a mollo in acqua fredda, ben strizzata e la vaniglia, mixare bene senza fare incorporare bolle d’aria.
Mettere in un ampio recipiente e coprire con pellicola trasparente a contatto e porre a riposare in frigorifero per almeno 4/6 ore.
Una volta ben freddo porre in una piccola planetaria e montare fino a raggiungere una densità compatta ma morbida
Inserire il cremoso montato in un sac-à-poche e riporre in frigorifero.

Per la Pomata di Lamponi:
Polpa lampone 300 g
Zucchero 50 g
Acqua 50 g
Agar agar 5 g

Procedimento:
Unire tutti gli ingredienti e farli bollire in un pentolino per 2 minuti
Lasciare raffreddare per 1.30 minuti con pellicola a contatto
Mixare gli ingredienti

Preparazione dessert:
In un piatto tipo cappello da prete fare tre grandi spumoni con il cremoso al cioccolato bianco e vaniglia
Aggiungere in mezzo una cucchiaiata abbondante di Crispy lampone fouilleté
Con la pomata di lampone fare dei piccoli spumoncini a lato del cremoso
Aggiungere i pistacchi tagliati grossolanamente per esaltare il verde interno
Decorare con lamponi freschi tagliati a metà
Per ultimo disporre delle fettine sottili di Tartufo Pistacchio e Lampone La Perla di Torino 

La nuova Spalmabile Arachide Salata di La Perla di Torino

La Primavera porta una brezza di novità in casa La Perla di Torino, realtà d’eccellenza nel mondo del cioccolato, che per la bella stagione lancia la sua Crema Spalmabile all’Arachide Salata, una ricetta originale a base di arachidi e sale marino dolce di Cervia che si esprime in un perfetto equilibrio tra note dolci e salate, per un connubio che metterà tutti d’accordo.

Una creazione che amplia la linea del brand sul tema, composta da Tartufo e mini tartufo in Perle, e reinterpreta un prodotto cult della tradizione gastronomica piemontese, quello della crema spalmabile, regalandogli una dimensione internazionale grazie all’utilizzo dell’arachide come grande protagonista: un ingrediente molto amato in tutto il mondo e usato nella preparazione di piatti sia dolci che salati.

Infatti, se in Italia la cultura di consumo legata a questo food è soprattutto come snack, in molti Paesi di Africa, America e Asia viene utilizzato nella preparazione di pasti principali, come nel famoso pad-thai, sfruttando le sue proprietà altamente proteiche di legume.
E se il richiamo al cugino a stelle e strisce, il burro di arachidi, è sicuramente immediato, le differenze tra le due preparazioni risultano in realtà sostanziali e la crema ha delle caratteristiche proprie ben specifiche:

Crema di arachide: un dolce guilty pleasure, ma con meno calorie e migliori proprietà nutrizionali
Il burro rispetto alla crema di arachidi subisce più processi tecnologici e ha un maggior apporto calorico e di grassi idrogenati. Quindi la crema ha migliori proprietà nutrizionali e grazie al suo potere proteico è perfetta per fare il pieno di energia all’inizio della giornata.

Una creazione dalla cremosità irresistibile
La consistenza della spalmabile all’arachide rispetto al burro di arachidi risulta meno compatta e più cremosa, per avvicinarsi maggiormente al gusto e alla cultura gastronomica italiana. La sua cremosità la rende perfetta sia per essere gustata al cucchiaio sia per farcire una fetta di pane a merenda.

Una ricettazione ricercata
Il burro di arachide nasce dal semplice accostamento tra un grasso e l’arachide. La crema spalmabile invece ha una ricettazione più complessa e raffinata, frutto del bilanciamento tra ingredienti diversi come arachidi, burro di cacao, zucchero, latte, sale, in base al sapore e alla consistenza finale che si desidera ottenere.

“La nostra Crema Spalmabile Arachide Salata nasce da una passione molto personale, quella per i viaggi e la scoperta di culture gastronomiche diverse. In particolare, in Asia ho avuto modo di scoprire tanti modi diversi di provare questo food ricco di proteine e proprietà energetiche, in tante preparazioni diverse che spaziano dal dolce al salato e ho capito la versatilità unica di questo ingrediente. Questa passione ha poi incontrato un trend di mercato, ovvero la passione degli italiani per l’arachide, e così abbiamo deciso di ampliare la linea del brand dedicata all’Arachide Salata inserendo la sua versione Crema Spalmabile” racconta Filippo Novelli, Pastry Chef La Perla di Torino. “Questo prodotto ha grandi potenzialità perché accosta la ricettazione di una delle creazioni più amate della cultura gastronomica piemontese a un ingrediente diverso e originale, come l’arachide. Ho bilanciato così la ricetta della spalmabile unendo l’arachide con la dolcezza dello zucchero, il latte e la nota sapida data dal sale dolce di Cervia, ottenendo una consistenza cremosa tipica della spalmabile, ma con un gusto finale sorprendente”

Versatile ed extra golosa: 3 idee per esaltare il gusto unico della Crema Arachide Salata

Il gusto della Crema Arachide Salata è un perfetto equilibrio tra note dolci e sapide, e per questo si presta a utilizzi e abbinamenti diversi che spaziano dalla colazione all’aperitivo, fino a ricette esotiche. Ecco 3 idee originali per abbinare questa crema a preparazioni golose e ricercate, per ogni momento della giornata:

  • Non il solito pane, burro e marmellata: per iniziare la giornata con una buona dose di energia bisogna farlo con il giusto mix. Come una fetta di pane di segale farcita con Crema Arachide Salata e marmellata di mango, che con il suo tocco dolce ed esotico si sposa perfettamente con la sapidità della spalmabile per un risultato irresistibile.

  • Arachidi & Champagne: per un aperitivo che sorprende il consiglio è abbinare un calice di champagne a una raffinata gelee a base di champagne, Crema Arachide Salata e un fiocco di sale Maldon: un gioco di sapori e consistenze che intriga e conquisterà gli ospiti.

  • Pollo al curry reloaded: reinterpretare piatti iconici e aggiungere il proprio tocco personale è un must in cucina. La nostra proposta per rivisitare il classico pollo al curry è di aggiungere alla ricetta originale aceto di mele e la Crema Arachide Salata, per un tripudio di note acide, sapide e dolci che si mixano regalando sentori inediti, capaci di conquistare chi si ama sperimentando abbinamenti inusuali.

Ingredienti e curiosità

Per realizzare la Crema Arachide Salata il team Prodotto del brand torinese ha selezionato i migliori ingredienti. Siccome la produzione italiana di arachidi è ancora limitata e si tratta soprattutto di prodotto crudo o tostato, la scelta per la pasta di arachidi è stata fatta nel territorio di origine di questo ingrediente: il Sud America e nel dettaglio l’Argentina. La pasta di arachidi usata nella ricetta di La Perla di Torino è prodotta da realtà selezionate, che utilizzano per i loro prodotti esclusivamente materie prime in grado di soddisfare i più alti standard qualitativi, non derivanti da Organismi Geneticamente Modificati, e sottoponendo tutta la produzione a prove e controlli di stabilità, fino a giungere alle verifiche organolettiche dei prodotti con test di assaggio eseguiti secondo i criteri di un’attenta analisi sensoriale.

Mentre per quanto riguarda il sale, per apportare quella percezione salina alla pasta pura viene utilizzato il sale italiano più pregiato: il sale marino delle saline di Cervia, un sale integrale non essiccato artificialmente e con una nota dolce. Questa denominazione è dovuta non a una minore capacità salante, ma all’assenza delle sostanze saline più amare, contenute normalmente nell’acqua di mare. Un incontro di eccellenze che rendono indimenticabile la Crema Arachide Salata fin dal primo assaggio.