La Stella Michelin Domenico Iavarone alla Masseria Guida di Ercolano per “Incontri d’Autore”

domenico_iavarone

La Stella Michelin Domenico Iavarone alla Masseria Guida di Ercolano per “Incontri d’Autore”:

cena a quattro mani con lo chef resident Basilio Avitabile

Giovedì 28 ottobre, ore 20.00

La cucina stellata di Domenico Iavarone approda alla Masseria Guida di Ercolano: Giovedì 28 ottobre, alle ore 20, torna “Incontri d’Autore” il format di cene a quattro mani che vede la partecipazione di grandi interpreti del firmamento gastronomico campano al fianco dello chef resident Basilio Avitabile. Dopo il successo del primo appuntamento che ha visto protagonista Pasquale Palamaro, Masseria Guida si appresta ad accogliere un altro grande fuoriclasse.

Chef per una sera la Stella Michelin Domenico Iavarone del Josè Restaurant di Torre del Greco portavoce di una cucina territoriale e di tradizione sapientemente esaltata da tocchi di vivace contemporaneità. Creatività, tecnica e ricerca della qualità sono i pilastri dei suoi piatti dove predominano materie prime genuine e di stagione.

Una cena all’ombra del Vesuvio dunque, che vedrà protagonisti i sapori e i profumi intensi dell’autunno: dai fichi pensati per accompagnare un primo piatto dalla forte personalità alla salsa di nocciole di Giffoni che avvolge il secreto di Pata Negra e ancora ortaggi di stagione e prelibatezze di sottobosco e poi un dessert a base di zucca, castagne e alloro. La cucina vesuviana di Iavarone e Avitabile incontra i grandi rossi del Veneto. Si comincia con Magò, lo spumante brut rosè della casa, un blend di uve Corvina, Corvinone e Rondinella che porta nel bicchiere sentori di fragola, buccia di pesca e note balsamiche. Si prosegue con Duca Fedele Valpolicella Doc, vino vivace e leggero, e quindi con il Marchesa Maria Bella Ripasso Superiore Doc, sapido e complesso. Un percorso in crescendo di sensazioni olfattive e gustative fino al  Conte Gastone Amarone della Valpolicella Docg, vino di punta dell’azienda: rosso rubino cupo, quasi impenetrabile, al naso sprigiona all’olfatto note di pepe nero e chiodi di garofano, marasche sotto spirito e prugna. Vellutato in bocca, avvolgente, armonico, persistente. 

Il Menu del 28 Ottobre

Finger Food

Spugna al pomodoro con maionese di arachidi

Oliva all’ascolana

Uovo fritto

Antipasto

“Orto Autunnale” con ortaggi di stagione e prelibatezze del sottobosco

Primo Piatto

Tubetti fichi, scarole, alici e olive

Secondo piatto

Secreto di Pata Negra cbt con salsa alla nocciola di Giffoni e cime di rapa

Dolce

Zucca, castagne e alloro

Petit Four

Costo della cena 75 euro p.p vini inclusi

Per Informazioni e prenotazioni Tel. 081 7716863

Masseria Guida 

Via Cegnacolo, 55 Ercolano – www.masseriaguida.com

Premio alla carriera ad Alfonso Iaccarino

Palma Campania diventa stellata con Olivella e riconosce il cibo e la cultura di chi ha dato l’anima per la nostra terra.

Da un antico frutto (l’uva) della Terra di Palma prende forma, lunedì 27 settembre 2021, nella Tenuta Antonio ed Angelo Iervolino in quel di Castello di Palma l’evento Olivella.

Con il beneplacito dell’Amministrazione Comunale della cittadina vesuviana, retta dal giovane e valido sindaco Nello Donnarumma, si concretizza l’appuntamento organizzato dall’avvocato Sergio Sbarra (civilista del foro di Nola ed esperto di food noto nel settore come l’Avvocato Gourmet) nonché organizzatore di eventi di respiro nazionale ed internazionale come il Festival of Italian Cuisine a New York.


Queste le sue parole: È per me un onore organizzare un evento nella mia terra d’origine, afferma l’avvocato Sergio Sbarra, e
per questo devo organizzare l’amico Sindaco per aver creduto in me.
Olivella sarà un serata dove l’alta cucina abbraccia il cuore della solidarietà nel pieno rispetto delle attuali norme anticovid.

Nello Donnarumma

E’ con gioia e orgoglio replica il sindaco Nello Donnarumma essere riusciti ad organizzare questa giornata speciale; un evento benefico (infatti è prevista una raccolta fondi per favorire la ristrutturazione della chiesa di San Giovanni a Castello, ndr) dedicato alla riscoperta del forte legame che il nostro territorio ha con il vino e la cultura.
Durante la serata, inoltre, insieme a tanti chef di grandissimo valore, premieremo il Maestro Alfonso Iaccarino del ristorante ” Don Alfonso“, con un grande riconoscimento alla sua carriera.
Tra stelle Michelin, raffinata pasticceria, importanti aziende vinicole e produttori gastronomici e tanta beneficenza, la Collina di Castello diventerà, per una sera, l’epicentro dell’alta cucina.

Le conclusioni sono del padrone di casa, avvocato Raffaele Iervolino che ospiterà nella sua tenuta l’evento.
“Sono sempre a disposizione quando si tratta di promuovere Palma Campania, la mia terra e poi sia il sindaco Donnarumma che l’Avvocato Sergio Sbarra sono veri amici, non potevo non accettare con grande entusiasmo la loro idea.

Questi i numeri dell’evento: 10 chef stellati che daranno vita al momento del pasta day, 50 chef con i loro finger food, 5 pizzaioli, 10 pasticcieri e tanti produttori.

La manifestazione prenderà il via alle ore 19 e, oltre all’ottimo cibo, ci saranno momenti culturali e musicali.

Cuochi d’Italia – Il campionato del mondo

TV8 inizia il 2020 con nuovi immancabili puntate di Cuochi d’Italia nella nuova versione “Il campionato del mondo”, in onda a partire da lunedì 6 gennaio alle ore 19:30.

La novità di quest’anno vede la partecipazione dello Chef Bruno Barbieri, che affiancherà i due giudici d’eccezione Gennaro Esposito e Cristiano Tomei.

Cuochi d’Italia varca i confini nazionali, portandoci alla scoperta di sapori provenienti da tutto il mondo. I protagonisti di questa edizione saranno 20 cuochi professionisti internazionali, che hanno trovato in Italia ristoranti pronti a proporre ed esaltare la loro cultura gastronomica.

In ogni puntata, due cuochi, provenienti da paesi diversi, si sfideranno in  una doppia manche. Durante le prime 10 “battle” i partecipanti si confronteranno prima su un piatto tipico di un Paese e poi su quello dell’altro. Al termine della “sfida” verrà decretato il vincitore.

Nelle successive 5 puntate, vedremo i cuochi che hanno passato il primo turno, sfidarsi in altre due manche. Nella prima, il concorrente che “gioca in casa” porterà un ingrediente tipico della propria terra, al quale i due giudici Cristiano Tomei e Gennaro Esposito aggiungeranno ingredienti a sorpresa.

Nella seconda manche sarà l’avversario a proporre un ingrediente del proprio Paese di appartenenza.

Alla semifinale accederanno solo i 5 vincitori delle precedenti puntate, più un sesto che verrà ripescato tra gli altri eliminati. I concorrenti dovranno cucinare un piatto della propria terra, scelto dai giudici.

Il cuoco che saprà valorizzare al meglio la tradizione del proprio territorio e convincere i palati dei giudici, si aggiudicherà la vittoria.

1000 GOURMET: Festeggia i due anni di attività a Napoli e apre a Venezia

Vittorio Ferraro e Michele Imparato sono i proprietari di 1000 Gourmet una pizzeria di Napoli, in Via San Pasquale a Chiaia che unisce innovazione e tradizione.

Apre nel novembre del 2017 proponendo una pizza diversa, con farine non raffinate, gluten free, servita a spicchi. Nel 2019 i proprietari decidono di rischiare,  aprendo un’altra pizzeria, ma questa volta a Venezia. Ad oggi la loro pizza è molto gradita non solo dai veneziani ma anche dai turisti.

Un’altra peculiarità di 1000 Gourmet sta negli “impasti aromatizzati”, variano dal limone, alle noci e alla curcuma, ai multi cereali e alla canapa sativa.

Martedì 12 novembre 1000 Gourmet ha festeggiato due importanti traguardi: i primi due anni di attività a Napoli e l’apertura di un’altra pizzeria a Venezia.

La serata ha visto la partecipazione di due chef stellati: Giuseppe Stanzione del ristorante “Glicine” dell’Hotel Santa Caterina di Amalfi e  Raffaele Ros del ristorante “San Martino” a Scorzè (Ve). 

Con loro anche lo chef resident Manuel Cibelli e i pizzaioli di 1000 Gourmet Eduardo Alfano Gianluca Capuano, che hanno realizzato tutti gli impasti della serata.

A firmare i topping delle pizze di 1000 Gourmet sono Giuseppe Stanzione per la Campania e Raffaele Ros per il Veneto. I due Chef stellati hanno realizzato una pizza inedita che sarà poi inserita nella nuova carta sia a Napoli che a Venezia. 

Questo è stato il menù di degustazione della serata:

Entrée

Classico baccalà mantecato alla veneziana

A cura di Chef Raffaele Ros del ristorante San Martino, a Scorzè (VE)

Polpetta di baccalà impanata in pane panko con pinoli, olive taggiasche, provola e

pomodorini confit su letto di scarola di Avezzano.

A cura di Manuel Cibelli, 1000 Gourmet

Pizza Casanova

Falde di merluzzo in olio cottura, crema di sarde e latticello, cipolla rosa di Cavasso,

broccolo fiolaro di Creazzo, pop corn di nervetti

A cura di Chef Raffaele Ros del ristorante San Martino, a Scorzè (VE)

Pizza Don Mimì

Carciofi arrosto, stracchino di bufala all’aglio Orsino e salsiccia di nero casertano

A cura di Chef Giuseppe Stanzione, del ristorante Glicine dell’Hotel Santa Caterina di Amalfi

Pizza Da Nord a Sud

Fior di latte, gambero di Mazara del Vallo scottato e avvolto in lardo croccante, sale

lavico, pepe selvatico del Madagascar, crema di gorgonzola, olio evo a crudo, basilico.

A cura di Edoardo Alfano e Gianluca Capuano, 1000 Gourmet

Dessert Gay-Odin: Devil Cake

Rivisitazione della famosa torta americana in monoporzione, Gay-Odin.

Composta da pan di spagna al cioccolato e guarnito con ganaches ai gusti: foresta e ghianda.