Il pomodoro giallo è sicuramente un ‘trend food’. Il pomodoro, in una variante dal colore giallo oltre a destare curiosità  è  privo di acidità e ricco di vitamine e antiossidanti.

I primi pomodori conosciuti dagli europei erano con tutta probabilità pomodori gialli, di colore giallo-giallo dorato. L’attuale nome italiano deriva appunto dal colore dei frutti delle prime varietà coltivate che non era quasi di sicuro rosso, ma giallo oro. Altro nome antico dato a questo frutto fu «pomo d’amore». Poi, con il tempo, si sono affermati tipi e varietà rossi, che sono diventati prevalenti rispetto a quelli gialli.

Pubblichiamo una ricetta speciale della Foodblogger che abbiamo da poco intervistato

https://www.foodmakers.it/la-passione-prima-di-tutto-e-il-segreto-della-foodblogger-felicia-sangermano/

Spaghetti al pomodoro giallo, colatura di alici e capperi, una ricetta semplice ma piena di sapore

 

Ingredienti

  • 400g Spaghetti Monograno Felicetti “Il Valentino”
  • Pomodori datternini gialli 300g
  • olio EVO
  • uno spicchio d’aglio
  • peperoncino
  • 2 cucchiai di colatura di alici
  • capperi interi o in polvere
  • basilico

Procedimento

  1. In una larga padella mettiamo un bel giro d’olio, uno spicchio d’aglio schiacciato e il peperoncino (io tanto), scaldiamo un pò senza far friggere
  2. Aggiungiamo i pomodori e basilico come se piovesse. Lasciamo cuocere a fuoco basso
  3. Intanto cuociamo gli spaghetti in acqua salata. La tiriamo su molto al dente e finiamo la cottura direttamente nel sugo preparato
  4. Spegniamo il fuoco, aggiungiamo la colatura di alici e ancora basilico. Mescoliamo bene
  5. Impiattiamo e cospargiamo con la polvere di capperi. (se usate capperi interi aggiungeteli durante la preparazione del sugo)
Luigi Cristiani

Laureato in Economia, ha poi conseguito un MBA presso lo Stoà. Lavora in Enel Green Power dove si occupa di pianificazione e controllo . Dal 2010 scrive su diversi blog di economia e finanza (Il Denaro,...

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.