Dimenticate il classico “junk food” per definizione,  fonte esclusiva di grassi saturi e di radicali liberi. Pensate invece alle patatine tagliate sottili e fritte in casa dalla mamma o dalla nonna. A quel gusto croccante a quel sapore ineguagliabile che sa di casa, di affetto. Ecco, queste sono le Salento Chips le uniche patatine fritte realizzate interamente nel territorio salentino, a km 0. Dagli appezzamenti di terreno baciati dal sole del tacco d’italia, alla cura della coltivazione del prodotto principe: la patata; dall’attenzione al raccolto e poi alla successiva lavorazione della materia prima fino alla frittura e all’insacchettamento: nulla è lasciato al caso. Anzi. Tutto il processo è curato nei minimi dettagli, persino il confezionamento delle chips avviene in un doppio sacchetto per preservarne quanto più possibile il gusto e la fragranza. L’idea è di Ruben Carlo Merico e Antonio Boccadamo. “Volevamo distinguerci e creare un prodotto innovativo – raccontano-  dopo tanti tentativi effettuati sulla materia prima, aver studiato il miglior modo per poterla trattare e lavorare, abbiamo realizzato le salento Chip in tre versioni, la classica al sale integrale di Margherita di Savoia , la “Pizzica” con paprika e cipolla, e la “Ientu de mare” al sapore di timo, menta, salvia, limone e rosmarino, ingredienti simbolo della terra salentina”. 

Sono gluten free, senza olio di palma, prodotte con materie prime locali e di altissima qualità e questo si sente subito al palato. Sono perfette per accompagnare un cocktail, un calice di vino fresco o uno spumeggiante boccale di birra. L’odore richiama l’olio di frittura, quello d’oliva, ma anche la materia prima, dettaglio tutt’altro che scontato. “Abbiamo iniziato acquistando macchinari costosi, sofisticati e moderni, ma- raccontano- vorremmo acquistarne altri ancora più specifici per aumentare la produzione. Dietro ad ogni passaggio, per tutto il ciclo produttivo ci siamo noi a controllare la  qualità del prodotto”. Il progetto Salento Chips nasce qualche anno fa e sta prendendo piede in tutta Italia. Le vendite sono sempre maggiori: i sacrifici di Ruben e Antonio per mettere su l’impresa sono in parte ripagati…. In parte perché il progetto è ambizioso, il prodotto merita e c’è da scommettere che il successo sarà presto assicurato.