Rachele BernardoRachele BernardoAuthorRachele BernardoCategory, DifficultyBeginner
Yields8 Servings
Prep Time1 hr 30 minsCook Time20 minsTotal Time1 hr 50 mins

Rachele Bernardo regala ai lettori di FoodMakers la sua ricetta di un dolce tipico di questo periodo: le castagnole di Carnevale.

"I periodi di festa sono sempre accompagnati da dolci della tradizione che deliziano i palati di grandi e piccini. Carnevale non fa eccezione, tutt’altro, è quasi una gara di squisitezze. 

Gli impasti fritti vengono serviti in numerose varianti: cenci, bugie o chiacchiere, sfrappole, castagnole, con o senza zucchero a velo, cosparse di miele, semplici o ripiene. 

Negli antichi ricettari del ‘600 di Antonio Latini, cuoco dei D'Angiò o in quelli di inizio ‘700 dei Farnese, è presente l’antica ricetta base delle castagnole, il cui nome si deve sopratutto alla forma, simile al frutto del castagno.

Sulle tavole delle corti del passato, dal periodo natalizio al mercoledì delle ceneri, ogni regione ha diffuso la sua variante in base alle diverse farciture o decorazioni. Come appassionata di gastronomia non potevo mancare questo appuntamento con le “Castagnole di Carnevale”esplorando qualche dettaglio della loro storia e proponendovi una formula arricchita con ricotta e cioccolato fondente. Non saranno più semplici “palline fritte”, ma straordinarie golosità! 

Gli ingredienti base sono sempre gli stessi: uova, zucchero, farina, burro e lievito cui si aggiungono scorze di agrumi, ricotta, fecola di patate, pezzetti di cioccolato fondente e liquore aromatico a piacere, rigorosamente fritte e poi spolverate con zucchero. Croccanti fuori e morbide dentro, se desideraste più dolcezza, basterà accompagnarle con una salsa al cioccolato. (Rachele Bernardo)

Ingredienti:

 80 g zucchero
 2 uova
 150 g di ricotta
 30 g di burro fuso
 200 g di farina Manitoba
 50 g di fecola di patate
 16 g di lievito per dolci (1 bustina)
 la buccia grattugiata di un limone
 50 ml di latte
 gocce di cioccolato e liquore a piacere

Procedimento:

1

Amalgamare in sequenza: lo zucchero con le uova, la ricotta, e il burro fuso.

Aggiungere la farina ( io preferisco la farina manitoba) la fecola di patate, il lievito per dolci (1 bustina), la buccia grattugiata di un limone, il latte, le gocce di cioccolato e illiquore a piacere.

Rovesciare l’impasto sul piano di lavoro continuando a lavorarlo per renderlo omogeneo. Se necessario aggiungere un cucchiaio di farina. Formare una palla, coprire con pellicola e lasciar riposare in frigo per 1 ora.

Riprendendo l'impasto bisognerà formare dei rotololini da cui tagliare dei pezzettini che diventeranno palline. Friggerle in abbondante olio, scolarle e passarle subito nello zucchero.

Ingredients

 80 g zucchero
 2 uova
 150 g di ricotta
 30 g di burro fuso
 200 g di farina Manitoba
 50 g di fecola di patate
 16 g di lievito per dolci (1 bustina)
 la buccia grattugiata di un limone
 50 ml di latte
 gocce di cioccolato e liquore a piacere

Directions

1

Amalgamare in sequenza: lo zucchero con le uova, la ricotta, e il burro fuso.

Aggiungere la farina ( io preferisco la farina manitoba) la fecola di patate, il lievito per dolci (1 bustina), la buccia grattugiata di un limone, il latte, le gocce di cioccolato e illiquore a piacere.

Rovesciare l’impasto sul piano di lavoro continuando a lavorarlo per renderlo omogeneo. Se necessario aggiungere un cucchiaio di farina. Formare una palla, coprire con pellicola e lasciar riposare in frigo per 1 ora.

Riprendendo l'impasto bisognerà formare dei rotololini da cui tagliare dei pezzettini che diventeranno palline. Friggerle in abbondante olio, scolarle e passarle subito nello zucchero.

Le Castagnole di Carnevale. Ricetta di Rachele Bernardo
Rachele Bernardo

Rachele Bernardo

Mi presento, sono Rachele Bernardo, annata 1968, ribelle proprio come me. La passione per la scrittura risale agli spensierati anni giovanili, tuttavia sono stati le esperienze di vita fuori dal mio...

Leave a comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.