Incuriosito dalle ottime recensioni dell’Officina del Gusto su Tripadvisor che lo vedono primo a Nola, ho deciso di andare a verificare sul posto la verità di quanto scritto.

In via del mercato 13 a Nola (NA), nel pieno del centro storico,  ho incontrato ed intervistato Antonio Spera, giovanissimo titolare dell’attività il quale mi ha anche fatto degustare uno dei suoi taglieri speciali e la sua spettacolare pasta e patate….ma di questo poi vi dirò più avanti..:)

Antonio qual è la tua storia professionale?

Sono un autodidatta, non ho studiato per fare il ristoratore, i miei studi sono stati quelli di ragioneria. Poi all’improvviso è nato in me l’amore per la buona cucina ed ho provato a realizzare il mio sogno aprendo una piccola salumeria gourmet a Marigliano il paese dove sono nato. Fondamentale è stato poter contare sull’aiuto ed il sostegno della mia fidanzata Anastasia con cui fin dall’inizio condivido gioie e sacrifici.

Poi arrivi a Nola…..

Si circa due anni fa ho deciso di fare il grande salto, cambiando locale e puntando su una clientela di maggior respiro qui a Nola. Siamo partiti subito alla grande poi purtroppo la crisi COVID ha fermato anche noi.

Parlaci dell’Officina del Gusto

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’officina è un’osteria gourmet ma anche un pò un’enoteca o semplicemente un posto dove poter star bene e poter gustare una cucina anticonvenzionale che abbina tradizione a gusti moderni con materie prime di altissima qualità.

Abbiamo circa una trentina di coperti all’interno e una ventina all’esterno, potrete mangiare in un ambiente tranquillo coccolati da me e dal mio staff senza dovervi preoccupare di distanze o altro.

Qual è il tuo piatto forte?

I miei piatti sono come figli quindi è difficile scegliere, ma devo riconoscere che i nostri taglieri hanno qualcosa in più, sono preparati da me al momento utilizzando solo prodotti di altissima qualità che ricerco in prima persona tra le eccellenze gastronomiche italiane.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ti evidenzio alcuni prodotti particolari che troverai nel tagliere :

  • Mortadella IGP al vin santo
  • Porchetta di pollo
  • Salame di chianina aromatizzato al tartufo
  • Salame al mirto cilentano
  • Caciocavallo affinato all’aglianico
  • Formaggio Shropshire Blue
  • Pecorino bagnolese alla crusca
  • etc..

Noi abbiamo provato anche la pasta e patate che è una vera specialità…

Non potendo farvela provare Antonio ci ha regalato la sua ricetta per preparare la pasta e patate dell’ Officina del Gusto per 4 persone

Ingredienti

  • Pasta Mista 340g
  • Patate 800g
  • Sedano una costa
  • Carote 150 g
  • Cipolla
  • Pancetta al pepe 130 g
  • 5/6 pomodorini
  • Rosmarino 1 rametto
  • Provola q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

PROCEDIMENTO

  1. cominciamo col tritare sedano, carota e cipolla
  2. Sbucciamo le patate e tagliamole a tocchetti irregolari, tagliamo anche la pancetta a cubetti. A questo punto abbiamo tutto quello che ci occorre per iniziare la preparazione. Mettiamo sul fuoco una casseruola ,dopo un bel giro d’olio, aggiungiamo la pancetta e la lasciamo scaldare a fuoco lento per pochi minuti.
  3. Aggiungiamo la cipolla che abbiamo tritato con carote e sedano, una volta dorati, aggiungiamo le patate mescolando di tanto in tanto ,evitando così che si attacchi al fondo.
  4. Aggiungiamo il rosmarino, i pomodorini e mescoliamo il tutto.
  5. Successivamente versiamo 600/700 g di acqua , pepe quanto basta e sale. Copriamo con il coperchio e lasciamo cuocere a fuoco lento per 30/40 minuti; se lo ritenete opportuno potete aggiungere ancora un po’ di acqua.
  6. Trascorso il tempo, le patate risulteranno ammorbidite, schiacciatene una parte, in questo modo otterremo il nostro condimento per la pasta.
  7. Aggiungiamo 250/300 g di acqua calda e portiamo a bollore.
  8. Caliamo la pasta e di tanto in tanto mescoliamo delicatamente, per non farla attaccare, se dovesse servire aggiungete ancora acqua e assicuriamoci che sia giusto di sale. Ricordate che a fine cottura il composto dovrà risultare cremoso e quasi asciutto. Eliminiamo i rametti di rosmarino, aggiungiamo la provola e mescoliamo sino ad ottenere un composto omogeneo.
  9. Ripassiamo nella forma di Parmigiano Reggiano e la delizia sarà pronta!!

Vi sembrerà un procedimento puramente tecnico ma è esattamente il contrario, ogni ingrediente sminuzzato e pulito viene dolcemente accarezzato è questo il mio segreto: la Passione e l’amore…la felicità negli occhi dei nostri clienti e l’umiltà di poter fare sempre meglio. Bisogna amare gli ingredienti e poi il piatto finale.. é questo il mio segreto.

Abbiamo capito che sei un sognatore, svelaci il prossimo?

Ora sono impeganto al massimo a superare questa crisi che ha davero messo in difficoltà molti di noi, sono ottimista e credo che la fine del tunnel sia vicina. Lavorerò per consolidare quanto di buono già fatto e sognado presto di realizzare ancora qualche piccolo passo che porti l’Officina del gusto ad essere sempre più gradita ai nostri clienti. In particolare vorrei ampliare l’offerta culinaria inserendo piatti meno tradizionali e più innovativi grazie anche alla collaborazione già inziata con alcuni chef stellati.

Ah dimenticavo , cosa succede il giovedì?

Il giovedì offriremo ai nostri clienti una bottiglia di vino (un primitivo del Salento), pensiamo sia bello poter brindare insieme a loro e poi ricordiamoci che questa crisi ha colpito tutti noi e non solo la ristorazione , quindi ci fa piacere fare un piccolo gesto ed invitare tutti a venirci a trovare!

BANNER_OFFICINA (2)

—-

Foto a cura di Chiara Giamberini