“Un vino rosso, vigoroso, focoso, solenne, vino da cementare amicizie e aprire le vele per l’oltre mare”

Si apre così il lavoro fresco di stampa del Dott. Giuseppe Baldassarre “Nero di Troia. Dal mito alla scienza fra storia e racconti”, ultimo volume dedicato ai vini pugliesi, editi dalla casa editrice Input Edizioni.
Il libro è stato presentato all’ultimo Vinitaly di Verona, martedì 12 aprile, nel programma di appuntamenti dello Stand della Regione Puglia, il cui Assessorato alle Risorse Agroalimentari, ricordiamo, ne ha patrocinato la pubblicazione.

Dieci capitoli, oltre 150 pagine, fotografie inedite, un flusso discorsivo intenso, ma disinvolto, proprio come corposo, ma di compagnia, è questo nettare d’uva al centro dell’ esposizione dell’autore.
Ogni capitolo affronta via un tema specifico in un percorso di approfondimento sul vitigno: Fra Storia e Mito, Identikit del Vitigno, Dal vitigno alla cantina, il Nero di Troia in bottiglia, il Nero di Troia nel calice, Le terre del Nero di Troia, il Nero di Troia a Tavola, Nero di Troia e piatti d’autore, con un interessante ricettario curato dal noto “cuoco contadino” Beppe Zullo, L’angolo della poesia, Spigolature e curiosità, linee di sviluppo e prospettive future.

“La varietà dei vitigni pugliesi raccontano i nostri territori, le nostre identità (…) La Puglia attraverso gli investimenti nella riqualificazione del patrimonio vitivinicolo ha, negli anni, acquisito una riconoscibilità nel panorama internazionale. – scrive nella prefazione il Dr Leonardo Dio Gioia , Assessore alle Risorse Agroalimentari della regione Puglia – Il Nero di Troia, in particolare, riconosciuto dal Mipaaf come prodotto a denominazione di origine controllata e garantita (…) è menzionato tra i più antichi di Puglia”.
Radici lontane, dunque, che affondano nel mito di Diomede e nella Storia di Federico II, ma anche un vino che ha avuto la capacità di divenire prodotto attuale per un mercato di consumatori dal palato raffinato: “Il Nero di Troia ha abbandonato le vesti del passato e indossa abiti completamente nuovi – spiega l’autore – È un vino moderno ed elegante dai lineamenti molto personali e ha storie e lunghi da raccontare”

DOVE ACQUISTARE IL VOLUME
SU AMAZON.IT o presso l’editore: redazione@inputedizioni.it – 0809306460


L’AUTORE
Giuseppe Baldassarre è medico, dirigente di I livello nella Unità Operativa di Geriatria dell`Ente Ecclesiatico Ospedale Regionale “F. Miulli” di Acquaviva delle Fonti. Specialista in Medicina Interna e in Farmacologia Clinica, si è perfezionato in Bioetica. È vice-Presidente della Sezione Apulo-Lucana della SIGOT (Società Italiana dei Geriatri Ospedalieri e Territoriali).
È autore di oltre 200 pubblicazioni scientifiche, tra cui alcuni volumi e numerosi articoli apparsi su riviste di livello internazionale. Dopo il diplomato di sommelier nel 2001, ha conseguito l’abilitazione di degustatore ufficiale dell`Associazione Italiana Sommelier (A.I.S.) nel 2003, di relatore ufficiale nel 2004 e di commissario nel 2006. Scrive per diverse riviste specializzate a diffusione nazionale e regionale. Dal 2008 è referente per il coordinamento degli eventi della Delegazione Murgia dell`A.I.S. Puglia. Dal novembre 2010 è responsabile nazionale dell`Osservatorio
su Vino, Alimentazione e Salute dell`A.I.S..

ALTRE OPERE del Dott Baldassarre edite da In put Edizioni, Monopoli (BA)
“Primitivo di Puglia” (Input Edizoni, 2013)
“Una Terra vestita di Rosa: la Puglia dei rosati” (Input Edizioni, 2014)
“Negroamaro di Puglia. Il gusto nascosto” (Input Edizioni, 2015)