Il ristorante etnico ed etico “Gustamundo” propone ai turisti italiani e stranieri in visita a Roma esperienze culinarie e d’incontro con gli chef rifugiati.

Ogni cena diventa un’occasione per condividere storie, sogni e segreti di cucina.

Il Ristorante Gustamundo, situato in prossimità della stazione metropolitana “Valle Aurelia”, ha lanciato un nuovo servizio dedicato ai turisti della Capitale: si tratta di “esperienze culinarie e d’incontro”, un modo per dare al proprio viaggio un valore nuovo: attraverso il cibo ed il racconto si accresce la conoscenza dell’altro e le distanze di riducono.

Ad accogliere i turisti ci sono: Buba, 36 anni, Gambia e Jafar, 21 anni, Iraq. Per gli ospiti è possibile scegliere tra due opzioni di menù: vegetariana o con carne.

In cucina, i tre Chef migranti: Ilyas (Pakistan), Amona (Somalia), Moustafa (Siria), vogliono incantare con i sapori del mondo i palati più curiosi ed esigenti.

Al momento del dolce si aggiunge qualche sedia al tavolo e inizia lo scambio di storie, sogni lasciati alle spalle e prospettive future, tra i turisti e lo staff.

Gustamundo nasce dall’idea di promuovere l’inclusione lavorativa delle persone rifugiate nel settore della ristorazione, contrastando l’isolamento e l’emarginazione.

L’immigrazione e l’accoglienza sono due realtà che caratterizzano fortemente la Capitale: sedersi al tavolo e conversare con chi ce l’ha fatta in termini di rinascita ed integrazione, significa uscire dal mainstream continuando ad accrescere la propria conoscenza oltre che la propria umanità.

Il progetto “Gustamundo” nasce con l’idea di proporre l’integrazione economica e sociale tramite la “cucina”. Con la collaborazione di molti centri di accoglienza e di alcune onlus, Gustamundo organizza cene multietniche preparate da uomini e donne provenienti dai paesi disagiati. Non solo occasione di scambio culturale e confronto, ma un’iniziativa di sostegno vero e proprio, con la volontà di includere e offrire opportunità lavorative.

Le esperienze dedicate ai turisti sono gestite dagli Chef e dallo Staff “Gustamundo” in tre lingue (italiano, inglese e francese) e la durata media è di due ore. É possibile prenotare la cena solidale all’indirizzo info@gustamundo.it