Elena Davis  (https://www.instagram.com/cucinabyelena) è un’italiana che vive e lavora in Utah – USA dove cura il blog CUCINABYELENA – MADE WITH AMORE.

Italian Food Lovers in the World

Abbiamo intervistato Elena: 

Ciao Elena, come nasce il tuo blog CucinabyElena ?

L’idea è nata a giugno del 2020 durante la pandemia. Non potendo venire in Italia quell’anno e in particolare nella mia amata Sardegna ho deciso di realizzare un sogno che avevo nel cassetto: la passione per la cucina italiana. 

Perchè questo nome al tuo blog?

La parola “cucina” nella mia vita rappresenta un luogo di condivisione di idee e di esperienze, un posto dove riportare alla luce i sapori e i profumi legati al mio passato, quando da piccola guardavo con occhi curiosi le prelibatezze che cucinava la mia nonna durante i mesi estivi trascorsi in Sardegna. Attraverso la cucina posso portare nelle case quella che è la mia esperienza, passata e presente, cercando di trasmettere la passione che da sempre mi accompagna verso il buon cibo italiano. 

Come tutti gli italiani, appassionata di cucina, cosa ti manca di più di quella italiana?

Negli Stati Uniti molto spesso trovo difficoltà nel trovare la qualità negli ingredienti e nelle materie prime che mi servono per cucinare. 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come viene percepita la cucina italiana negli Stati Uniti?

La cucina italiana è tra le cucine più amate dagli americani. È caratterizzata da gusti e sapori che facilmente accontentano tutti.
I piatti italiani che ripropongo, hanno il vantaggio di essere creati con ingredienti semplici e sono pertanto alla portata di tutti. 

Qual è il piatto italiano che riscontra più successo in USA?

È molto difficile poter definire un solo unico piatto! Gli americani amano la pasta con i suoi molteplici condimenti possibili ma alla stesso modo quando ho riproposto nel mio blog la classica focaccia italiana, ho ricevuto moltissimi consensi a riguardo. Sono riuscita infatti a rendere “semplice” e limitata a pochi semplici passaggi, una ricetta che agli occhi dei più inesperti poteva sembrare difficile da ricreare nella propria cucina. 
Per quanto riguarda invece i dolci, posso sbilanciarmi: il Tiramisù. Questo dolce infatti è riproposto, così come avviene spesso in Italia, anche nella lista dei dessert nei ristoranti americani. È un dolce alla portata di tutti, pochi passaggi da seguire attentamente, descritti sul mio blog, e il tiramisù può essere preparato con successo in tutte le cucine americane. 

Elena, quali sono i prodotti e i piatti che ti piacciono di più della cucina americana e che consiglieresti a tutti gli italiani di provare?

Cosi come l’Italia è conosciuta per il tiramisù, gli Stati Uniti sono invece legati al Pie: Apple pie, banana cream pie, blueberry pie, peach pie and more! 
Ecco, questo è uno dei piatti della cucina americana che sinceramente mi sento di consigliare a chi non l’avesse mai provato.
La ricetta proviene dalla famiglia di mio marito Jordan, semplici ingredienti che creano un impasto molto friabile “very flaky”: farina, uova, burro, acqua, un pizzico di sale e aceto bianco. Il Pie è la cornice che racchiude al suo interno diversi condimenti, dalle mele alla crema ai frutti rossi e albicocche. Insomma un lontano cugino della crostata italiana. 

Qual è un piatto della tradizione italiana al quale sei particolarmente legata?

Non è semplice scegliere un unico piatto al quale sono più legata. Sicuramente nella scelta gioca un ruolo importante il legame con la mia infanzia e il ricordo di mia nonna che passava ore in cucina a preparare il pranzo per tutta la famiglia. Per questo motivo nel mio blog ho raccontato la storia legata al ricordo delle Polpette al sugo di nonna Laura. 
Ricordo nonna che con le sue mani mi spiega qual’è il segreto per creare delle polpette dalla forma perfetta, prima di cuocerle nel sugo a pomodoro che le rende ancora più soffici e succose. Ripropongo spesso in famiglia questa ricetta, viene sempre apprezzata sia dai più grandi che fai più piccoli.

Nuovi progetti per il tuo blog?                  

Da poco ho iniziato con un progetto al quale sono molto legata: ho creato delle classi di cucina, dove ci troviamo con circa 25 persone per cucinare dei piatti insieme, condividere le nostre esperienze in cucina e parlare della cultura italiana. 
Sono continuamente alla ricerca di nuove ricette da riproporre ai mie lettori all’interno del mio blog.
Quest’autunno attraverso il mio blog inizierò a promuovere diversi prodotti per la cucina e continuerò a collaborare non solo con alcuni programmi televisivi ma anche con diversi brand. 

Qual è il tuo sogno nel cassetto?

Se devo pensare in grande allora mi sbilancio. Il sogno nel cassetto sarebbe quello di avere un giorno un programma televisivo in cui poter proporre ogni giorno piatti e ricette diverse della cultura italiana. Un sogno che si accompagnerebbe ad un altro sogno: quello di scrivere e pubblicare uno o più libri di cucina.
Mi piace immaginare le persone che prima di una cena con amici aprono il mio libro e scelgono la ricetta che più li cattura e la realizzano.