Bruno Sculli porta i piatti romani a Napoli con il suo nuovo format Carbonà. Bruno è un imprenditore di successo con altri format come Carlo Sammarco Pizzeria 2.0 e Mastergrill, ed a breve aprirà “Il Bolognese osteria Tipica”

Ciao Bruno, ci racconti come nasce questa tua passione per la ristorazione?

La passione per la ristorazione nasce fin da quando ero piccolo, nonostante lavorassi nell’impresa di costruzioni di Famiglia non ho mai abbandonato il mio sogno ed appena stato possibile, con l’aiuto di mio padre a soli 19 anni aprii il mio primo locale d’asporto. Era il 2004 ed era una piccola paninoteca nel centro di Marano, e fortunatamente andó subito bene.

Sei un imprenditore di successo con alcuni marchi noti in Campania come Carlo Sammarco Pizzeria 2.0 e Mastergrill, ci racconti come sono nati?

Mastergrill nacque il 2014 dopo circa 10 anni dal mio primo locale, erano stati anni duri dopo che avevo aperto diversi locali, di questi, tanti erano stati ceduti o chiusi per colpa della crisi che per gli anni successivi al 2008 avevano colpito anche il mondo della ristorazione. Mastergrill doveva essere il locale della rinascita è così fu. Con l’aiuto di mio cognato Salvatore e di mia moglie Pina, il locale si riveló subito un successo diventando un punto di riferimento per il “food porn” di cui siamo stati tra i pionieri dell’epoca.

Nel 2016, capii che potevano essere maturi i tempi per provare a cambiare format, e di passare dalle paninoteche alle pizzerie. Tra i miei amici su Facebook avevo Carlo Samamrco, guardavo con ammirazione i suoi primi video in cui mostrava tutta la sua passione verso il mondo della pizza. Così una sera andai a trovarlo nella pizzeria di famiglia dove lavorava, rimasi folgorato dal suo impasto. Non avevo mai provato una pizza così. Gli chiesi il suo numero personale, cominciammo a messaggiarci fino a tarda notte per giorni e giorni…. il resto è storia 

 

L’ultimo arrivato è Carbonà, un locale interamente dedicato alla tradizione romana, come ti è venuta quest’idea?

L’idea di Carbonà nasce poco prima del lockdown, era gennaio 2020 e l’idea dell prima Osteria Romana della Campania era quello a cui pensavo più assiduamente. Avevo già individuato un primo locale, ma pochi giorni prima del lockdown del 9 marzo la trattativa saltó. Con il lockdown la volontà di aprire era sempre presente e durante i mesi di chiusura insieme allo Chef Antonio Cariello avevamo studiato tutti i piatti del menù. Nei primi giorni di apertura proprio di Fianco al  Mastergrill di Villaricca si era liberato un grande locale, un ex mobilificio. E così senza pensarci su due volte dopo un giorno già ne avevo preso possesso.

Cosa possiamo trovare da Carbonà?

Da Carbonà si puó trovare tutta la vera cucina Romana, senza alcun tipo di contaminazione. Da noi si respira davvero la Romanità con tutti i suoi piatti ricchi di tradizione.

Da poco, dopo la prima sede di Villaricca abbiamo aperto anche una sede Take Away nel cuore del Vomero. Tanti non erano daccordo su questa mia decisione, e come dico sempre meglio che non ascolto nessuno. Il locale da subito è stato un grande successo.

 

Qual è il piatto best seller?

Sicuramente il piatto più richiesto è Sua Maestà la Carbonara, cosi come la chiamiamo noi, con ricetta dedicata al Mio caro amico Luciano Monosilio Stella michelin e proprietario del locale a Roma Luciano cucina Italiana

A noi puoi dirlo, qual è il tuo piatto romano preferito?

Ero un fan sfegatato della Carbonara ma da quando ho aperto carbonà il mio piatto preferito è diventata l’amatriciana in particolare fatta con il tonnarello. 

Invece da buon napoletano qual è il piatto della tradizione a cui sei più legato e perché?

Da Napoletano ho nel mio cuore due piatti. Il primo è sicuramente il Ragù che a casa mia si mette in preparazione la sera di Sabato per poi essere pronto la domenica a Pranzo, e  poi lo spaghetto con le vongole rigorosamente in bianco.

 

Abbiamo letto del brutto incidente, di qualche giorno fà, è diventato difficile fare impresa a Napoli?

Purtroppo non è mai stato semplice fare impresa nella nostra amata regione. Il mio amore per il lavoro peró è più forte di qualsiasi difficoltà e quindi anche nonostante questi brutti episodi cerco sempre di buttarmi tutto alle spalle e di ricominciare. Spero solo che questo disagio sociale che sta aumentando ancor di più con questa pandemia possa arretrare e che tanti ragazzi, possano capire che la strada della delinquenza non è la soluzione ai problemi che si vivono giorno per giorno. 

Quali altre idee hai per il prossimo futuro?

A breve nascerà il mio nuovo Format “Il Bolognese osteria Tipica”. Nascerà ad aversa e come già fatto con carbonà, ricalcheremo la vera cucina De posto, tra lasegne, tortellini e pasta fresca ci sarà da leccarsi i baffi.