Tulipani e Poffertjes

Quando mi preparo per un viaggio, pianifico i luoghi da visitare, le architetture da vedere e i piatti tipici da assaporare. Per l’Olanda è stata una bella impresa…
È una terra incantevole fatta di acqua e di fiori, con le sue tipiche casette con le facciate inclinate, con un clima pazzo che non ti fa mai uscire da casa senza l’ombrello, pieno di bici e di persone sorridenti. Non è difficile abituarsi in un posto così, dove un parchetto completo di laghetto e anatre lo trovi in ogni quartiere e ti basta andare al mercato per trovare la frutta e il pesce più particolare – se vi capita di passare per Rotterdam, vi consiglio il mercato accanto alla stazione – e dove poter trovare tutti i colori del mondo nelle mille sfumature dei tulipani e nelle distese di verde dei polder.

Ma cosa si mangia in Olanda?
La cucina olandese non vanta di veri e propri piatti tipici. Per i formaggi, il Gouda è sicuramente il più rappresentativo tra i prodotti locali. Anche i dolci sembrano essere molto presenti nei pasti degli olandesi, specie nel pomeriggio, ad accompagnare una buona tazza di the. È facile trovare in giro anche dolci di altre culture, a conferma dell’anima multietnica di una terra, come l’Olanda, che ospita il porto più grande del mondo per quantità di merci scambiate. Gli stessi Poffertjes, la ricetta che ora vi propongo, sono conosciuti anche nella cucina indonesiana grazie agli storici legami che ha l’Indonesia come ex colonia. Questi dolcini tradizionali si presentano come piccole crêpes e sono preparati con una speciale piastra che ne determina la sua tipica forma. Li ho assaggiati a Delft, nel mercatino che viene allestito la domenica nella piazza del municipio, preparati da un simpatico ragazzo che ha subito notato il mio accento italiano!

Ricetta Poffertjes (circa 30)

 

Ingredienti

  • 100 grammi di farina 00
  • 100 grammi di farina di grano saraceno
  • 400 ml di latte tiepido
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 2 cucchiai di zucchero
  • 50 grammi di burro fuso Burro per ungere la teglia

Procedimento

Setacciate le farine insieme al sale e al lievito e versateci il latte tiepido, dove avrete sciolto lo zucchero. Aggiungete il burro fuso e l’uovo, mescolando il tutto con una frusta, facendo attenzione a non lasciare grumi. Lasciate riposare la pastella per circa 10 minuti. Intanto fate riscaldare la piastra per i poffertjes. Se non disponete di questa, potete usare una padella antiaderente e dei piccoli coppa pasta di 4 cm di diametro. A questo punto abbassate la fiamma, ungete la piastra (o la padella) con del burro e versate la pastella in ogni cavità (o nei piccoli coppa pasta) riempiendoli per ¾. Fate cuocere su entrambi i lati, fino a doratura. Una volta pronti, disponeteli in un piatto, aggiungete un bel ricciolo di margarina, spolverate abbondantemente di zucchero a velo e godetevi questa semplicissima dolcezza olandese!

The following two tabs change content below.
Raffaella Amistà

Raffaella Amistà

Architetto di formazione e creativa, scopre la sua passione per la cucina alla tenera età di cinque anni con la sua prima tortina di fango. La sua bravura tra i fornelli le ha fruttato diverse proposte di matrimonio e di convivenza. Nella sua rubrica WHAT A WONDERFOOD WORLD viaggia in lungo e in largo tra i sapori del mondo reinterpretandoli attraverso la cucina mediterranea
Raffaella Amistà

Ultimi post di Raffaella Amistà (vedi tutti)

Send this to friend

Continuando la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookies. più informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "permetti" per darti la miglior esperienza di navigazione possibile. Se continui a navigare in questo sito web senza cambiare le tue impostazioni cookie o cliccando "Accetta", allora stai dando il tuo consenso.

Chiudi