Francesco Martucci: vi racconto il mio ingrediente segreto

image

Lui è un sognatore che non si è mai arreso, lo capisci subito appena incroci il suo sguardo di cattura, ti rapisce e catalizza la tua attenzione.

Un mix di follia e razionalità che alberga nella stessa persona.

La sua pizzeria “I Masanielli” tre spicchi Gambero Rosso si trova a Caserta ed è diventata una sorta di “templio” del gusto e d’incontro con il suo “genio pizzaiolo”.

Mi ha raccontato che fare la pizza è dedizione, devi cercare di piacere “quasi” a tutti e non è semplice che la Sua regola numero uno è esserci sempre e soprattutto “non ci si può improvvisare pizzaiolo”.

Si dice che “ognuno di noi ha un paio d’ali, ma solo chi sogna impara a volare”, vale anche per Francesco Martucci?

Io non vivo…sogno! Sono un uomo fortunato perché faccio quello che più mi piace. Se volessi usare una metafora direi: “Sembro un bambino in un negozio di giocattoli”.

Tutti ora conoscono il tuo nome…sorry, il tuo cognome, “Martucci”. Quanti sacrifici ci sono dietro questa riconoscibilità?

Quando ero piccolo, a casa dei miei genitori, non avevamo neanche la corrente. Dovevo darmi da fare per contribuire, anche io, alle spese familiari. A dieci anni ho chiesto di lavorare in una pizzeria. Il mio datore di lavoro, per qualche “lira”, mi faceva pulire i bagni. A me stava bene, perché quando tutti i clienti andavano via, finito il mio lavoro, potevo prendere dimestichezza nel preparare le pizze con lo scarto della giornata.

Da piccolo, quindi, il tuo sogno era già quello di diventare uno dei migliori pizzaioli al mondo oppure, vista la tua passione musicale, volevi magari fare il musicista o il cantante?

Il pizzaiolo è come il cantante, come l’artista, come il calciatore fuoriclasse…devi averlo nel DNA, altrimenti sei uno dei tanti che inforna qualcosa. Nella mia infanzia pensavo “chissà se un giorno diventerò mai un bravo pizzaiolo”. Non sono io a dovermi giudicare, ma diciamo che sono andato oltre le mie più rosee aspettative (sorride ndr).

La guida “Gambero Rosso” e la tua incoronazione con i tre spicchi immagino siano stati un grande volano per la tua attività. Quanto c’è invece della tua famiglia dietro il tuo successo imprenditoriale?

Mio padre faceva il camionista, non era mai a casa. Sono stati periodi duri, difficili e devo dire che lo sconforto qualche volta ha avuto il sopravvento. Mancavano tante cose, ma un valore non ci ha mai abbandonato: “l’unione familiare”. Mia mamma, diventando madre molto giovane, per mantenerci ha fatto la cameriera, ma non l’ho mai sentita lamentarsi – forse piangeva di nascosto –  è stata sempre lì ad insegnarci, con il suo esempio, l’unità è l’umiltà. Oggi ancora lavora, ma nella mia pizzeria, dove la vedo sorridere. Sono felice ed è molto merito suo.

Mi hai colpito perché, guardandoti negli occhi, ho capito che tu questo mestiere lo hai nel sangue, non potrebbe essere diversamente per uno che tutti i giorni lavora in prima persona con il suo staff per sfornare “pizze” studiate e create per deliziare il palato di tantissime persone, possiamo dire che quando il lavoro coincide con la passione non è più lavoro?

Assolutamente si! La passione è tutto e ti permette di non sentire la martucci_staff“fatica”. Certe volte finisco di lavorare alle cinque del mattino, vado a casa, dormo due ore, poi mi metto in macchina e percorro trecento chilometri per scegliere un olio che vorrei proporre su di una pizza. Per molti è follia, per me è amore per il mio lavoro. Amo sperimentare, mi piace dare un valore aggiunto ai miei clienti. Potevo fare trecento coperti in sala, invece preferisco farne la metà ma rasentare l’eccellenza. Ecco questa è un’altra parola che amo.

Secondo Francesco Martucci, qual è il segreto del suo successo?

Me lo sono chiesto tante volte Antonio e non riuscivo a darmi una risposta, ma poi ho capito e ora posso risponderti con certezza che l’ingrediente “segreto” del mio successo è “o’core”, lo metto in tutto quello che faccio.

La Campania sta al cibo come la mozzarella alla pizza, cosa ti senti di consigliare ai tanti giovani imprenditori che vogliono provare ad investire nel settore del food?

La cosa fondamentale è avere una grande identità, pensare a se stessi senza stare sempre a guardare gli altri. Questo dovrebbe essere il denominatore comune per chi fa il mio lavoro. Poi servono una grande umiltà e uno studio infinito degli ingredienti che si utilizzano.

Ultimo, poi vado a mangiare la pizza che si fredda, hai un ulteriore sogno nel cassetto? Se si, come immagino, qual è?

Fare le pizze anche domani 🙂

È il mio sogno che si rinnova giorno dopo giorno.

pizza_martucci

 

 

Personalmente voglio ringraziare Francesco Martucci; da questa intervista sono uscito “sazio” non per la pizza quanto per l’umiltà e la visione di un uomo che ha deciso di mettere tutta la passione nel suo lavoro che è il suo “cuore”.

The following two tabs change content below.
Antonio D'amore

Antonio D'amore

Sono nato a Napoli, una sera di luglio verso la fine degli anni settanta. Cresciuto a pane e motori, sono da sempre la mia grande passione. Prima le auto e poi le moto hanno occupato gran parte dei miei anni. Non solo le corse nella mia vita; il giornalismo, la comunicazione ed il “food” si sono trasformate da passione a lavoro e impiegano, oramai, gran parte della mia giornata. Mi definisco un ottimo cuoco, tranne per i dolci, amo cucinare tutto quello che fa parte della cucina tradizionale napoletana con un occhio di riguardo per il pesce. Scrivo di imprenditori legati al food che hanno una “vision” nel loro business ma che non hanno mai dimenticato le proprie origini e tradizioni. Vivo nella città più bella del mondo, Napoli, la odi o la ami, città dai mille volti, di tanti cantanti e dai tanti colori. Una persona un giorno mi ha detto: “A Napule nun se more, t’adduorm”. Questo sono io, il mio claim è “Be Different” e….il resto scopritelo leggendomi.
Antonio D'amore

Ultimi post di Antonio D'amore (vedi tutti)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Send this to friend

Continuando la navigazione su questo sito, accetti l'utilizzo di cookies. più informazioni

Le impostazioni dei cookie su questo sito sono impostati su "permetti" per darti la miglior esperienza di navigazione possibile. Se continui a navigare in questo sito web senza cambiare le tue impostazioni cookie o cliccando "Accetta", allora stai dando il tuo consenso.

Chiudi